Covid: chiuso il più grande campo profughi Rohingya del Bangladesh

Il campo, che ospita 5.000 persone, é un'immensa baraccopoli con fogne a cielo aperto dove l'igiene e il distanziamento sociale sono impraticabili

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:20
Campo profughi Rohinya in Bangladesh

Verrà chiuso oggi, 15 maggio, il più grande campo profughi Rohingya in Bangladesh, dopo i primi casi confermati di Covid-19. Il campo, che ospita 5.000 persone, é un’immensa baraccopoli con fogne a cielo aperto dove l’igiene e il distanziamento sociale sono impossibili.

Oms

Ieri, il coordinatore sanitario Abu Toha Bhuiyan aveva annunciato la positività di almeno due profughi. Poi l’Oms ha precisato che un caso era quello di un uomo Rohingya e l’altro di un bengalese che vive vicino al campo ed é ricoverato in un ospedale. Squadre d’emergenza sono impegnate a prevenire l’incubo di un’epidemia nel campo e nella zona circostante. L’Oms ha mandato “squadre rapide di ricercatori” per tracciare i contatti del profugo per testarli e metterli in quarantena. Il campo profughi è solo uno – il maggiore – dei 34 campi bengalesi che ospitano oltre 750 mila persone fuggite nell’agosto 2017 dal vicino Myanmar. Un’epidemia di covid-19 potrebbe rivelarsi una bomba sanitaria e sociale in tutta la Nazione, tra le più povere dell’Asia.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.