Covid, in aumento i nuovi casi e i decessi

Il tasso di positività è salito dal 11,1% di 24 ore fa all'odierno 12,5%. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 163 (-7), nei reparti ordinari 3.868 (+121)

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:36
Covid
Db Milano 26/03/2021 - prevenzione diffusione Coronavirus / foto Daniele Buffa/Image nella foto: vaccinazione anti-Covid 19 Drive Through

Tornano a salire i nuovi casi giornalieri di positività al Covid individuati nel nostro Paese, così come i decessi, in base agli ultimi dati del Ministero della Salute. Intanto la Commissione europea fa sapere, in una nota, che l’Unione europea, gli Stati membri e le sue istituzioni finanziarie hanno erogato quasi 50 miliardi di aiuti a 140 Paesi partner per affrontare gli effetti della pandemia.

I dati

I nuovi casi Covid registrati nelle ultime 24 sono 23.161, quando ieri erano stati 6.415, mentre i decessi sono saliti a 93 (60 in più).

Il tasso di positività è cresciuto dall11,1% delle 24 ore precedenti all’odierno 12,5%, mentre i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 163 (7 in meno) e quelli 0nei reparti ordinari sono 3.868 (121 in più).

“Team Europe”

Dall’inizio della pandemia di Covid, a inizio del 2020, l’Ue, i suoi Stati membri e le istituzioni finanziarie europee, in qualità di “Team Europe”, hanno erogato 47,7 miliardi di euro a sostegno di 140 Paesi partner, riferisce la Commissione europea in una nota. La cifra supera di gran lunga il pacchetto di sostegno iniziale da 20 miliardi di euro promesso nella primavera del 2020, che ora è aumentato a 53,7 miliardi di euro. Il sostegno consiste in aiuti per i bisogni umanitari immediati, il rafforzamento dei sistemi sanitari, idrici, sanitari e nutrizionali, e l’attenuazione delle conseguenze sociali ed economiche della pandemia.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.