Covid-19, Michel a Mattarella: “Italia modello di unità e resilienza”

Il presidente del Consiglio Europeo si congratula con Sergio Mattarella per come il paese sta affrontando il virus, l'Italia è un modello

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:46

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in questi giorni si è esposto a difesa dell’Italia. Prima attraverso la risposta alla poco avveduta mossa della numero una della Banca Centrale Europea, Christine Lagarde, che ha fatto schizzare in alto lo spread e registrare il minimo storico alla borsa di Milano (-16,9%). In un secondo momento, il Presidente della Repubblica ha deciso di rendere più coeso e solidale il lavoro delle forze politiche appellandosi, personalmente, ai leader dei principali partiti italiani. Serve, come dimostra Mattarella, forte unità nazionale. Oggi, arriva il plauso del Presidente del Consiglio Europeo Charles Michel che si congratula con il nostro Capo di Stato perchè l’Italia “ha mostrato previdenza, unità e resilienza”.

Le parole di Charles Michel

“In un momento in cui alcuni possono aver sottostimato la portata della minaccia” del coronavirus, “l’Italia ha dimostrato un risoluto senso di previdenza, unità e resilienza. La risposta dell’Italia costituisce un modello per molti Paesi, non solo in Europa, costretti, con un ritardo di qualche settimana, a far fronte alle medesime esigenze”. Così il Presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, in una lettera al Presidente Sergio Mattarella. 

Banco di prova

L’emergenza Coronavirus rappresenta per l’Europa un banco di prova fondamentale. Qui si vedrà quanto l’assetto comunitario ha a cuore il proprio futuro o se lo sciovinismo nazionale prevarrà, portando l’Ue a frammentarsi. E’ necessaria, perciò, un’azione congiunta soprattutto in risposta alla crisi economica che si sta aprendo e che, secondo alcune stime, vede milioni di persone perdere il proprio posto di lavoro. Il primo passo per l’Europa è quello di sostenere il Paese più colpito dal Covid-19: l’Italia.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.