Covid-19, in Italia pronti 4 milioni di test sierologici entro fine maggio

Si esprime tramite un comunicato l'azienda farmaceutica vincitrice del bando. Si comincerà da un campione di 150mila persone

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:21

A pochi giorni dall’inizio della fase due, sono molti i quesiti che rimangono senza risposta. Dai trasporti alle problematicità dell’app immuni. Ma anche sulla disponibilità dei tamponi e quindi sulla possibilità di una reale mappatura dei contagiati non si hanno certezze. Arriva però la comunicazione della Abbott, l’azienda farmaceutica statunitense vincitrice del bando indetto dal governo per la fornitura di test sierologici in Italia nell’ambito dell’emergenza coronavirus: “Entro fine maggio la Abbott conta di distribuire in Italia 4 milioni di test“.

L’affidabilità del test

Il nuovo test ha dimostrato specificità e sensibilità superiori al 99 per cento 14 giorni o più dopo l’insorgenza dei sintomi”, spiega la Abbott annunciando che in un migliaio di laboratori di tutta Italia sarà possibile analizzare fino a 200 test per ora. “Siamo orgogliosi di aver potuto rendere fruibile immediatamente in Italia anche il nuovo test anticorpale che potrà aiutare a individuare chi ha contratto il virus, contribuendo ad aumentare la fiducia ora che ci apprestiamo a tornare gradualmente alla nostra vita”, ha anche spiegato Luigi Ambrosini, direttore generale e ad di Abbott Italia, l’azienda che ha vinto il bando indetto dal governo per la fornitura di test sierologici in Italia nell’ambito dell’emergenza coronavirus. L’azienda – che ha annunciato di aver ottenuto il marchio CE – ha anche spiegato che “il test IgG SARS-CoV-2 identifica l’anticorpo IgG, una proteina prodotta dall’organismo nelle fasi avanzate dell’infezione e che potrebbe persistere per mesi e forse anni dopo la guarigione”.

Il test è certificato e pronto all’utilizzo

Il test sierologico Abbott per la rilevazione dell’anticorpo IgG, che determina se una persona ha contratto il nuovo coronavirus, ha ottenuto il marchio CE, ai sensi della Direttiva IVD (98/79/CE). “Abbott – afferma il direttore generale e amministratore delegato Luigi Ambrosini – ha concentrato tutti i suoi sforzi per rendere disponibili i test Covid-19 il più rapidamente possibile e far fronte a questa pandemia e siamo orgogliosi di aver potuto rendere fruibile immediatamente in Italia anche il nuovo test anticorpale”. Se i test molecolari rilevano se qualcuno ha il virus, i test anticorpali determinano se una persona è stata infettata. Il test IgG SARS-CoV-2 di Abbott identifica l’anticorpo IgG, una proteina prodotta dall’organismo nelle fasi avanzate dell’infezione e che potrebbe persistere per mesi e forse anni dopo la guarigione.

Il decreto di aggiudicazione e le prerogative

Il decreto di aggiudicazione è stato pubblicato sul sito del Commissario straordinario. Il decreto, oltre ad aggiudicare la fornitura alla Abbott che si è classificata “prima nella graduatoria di merito”, prevede che “si dia avvio alle verifiche del possesso dei requisiti dichiarati in gara” dall’azienda e stabilisce si “procedere alla stipula del relativo contratto, apponendo la clausola di risoluzione automatica dello stesso qualora dalle suddette verifiche dovessero emergere cause ostative alla prosecuzione del rapporto contrattuale”.

Kit gratuiti e radiografia epidemiologica dell’Italia

Presto una nuova e più realistica radiografia dell’Italia colpita dal Covid-19. Sarà l’azienda americana Abbott, quindi, a fornire dall’inizio della ‘ase 2 i test sierologici per stimare la percentuale di italiani colpiti dal virus, molti dei quali potrebbero – ma non è scientificamente certo – anche aver sviluppato anticorpi. Partiranno il prossimo 4 maggio a livello nazionale, su un primo campione di 150mila persone, le analisi sul sangue per definire se una persona è stata contagiata, anche inconsapevolmente. Governo ed esperti aggiungeranno così un tassello importante nella strategia post-lockdown, che permetterà di capire il livello di diffusione del coronavirus nel Paese e pianificare le tempistiche sul ritorno graduale alle attività. Ad offrire gratuitamente i kit sarà il colosso farmaceutico statunitense Abbott, selezionato con quattro giorni di anticipo tra i 72 partecipanti alla gara indetta dal governo poco più di una settimana fa.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.