Covid-19, calano i contagi ma risalgono le vittime. Borrelli: “636 in 24 ore, 1.941 i positivi”

Il numero dei guariti aumenta di 1.022, per un totale di 22.837 dall'inizio della pandemia. Calano ancora i ricoveri in terapia intensiva

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:01

Si cerca di confermare il trend in discesa riscontrato negli ultimi giorni in Italia, dopo l’andamento pressoché stabile degli ultimi giorni. Il bilancio, nella conferenza stampa giornaliera, è tracciato dal capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, che da conto di un numero complessivo di malati di coronavirus che tocca quota 93.187, con un incremento rispetto a ieri di 1.941. Un dato in calo rispetto a domenica, quando i malati erano aumentati di 2.972. Il numero complessivo dei contagiati – comprese le vittime e i guariti – è di 132.547. Torna a salire, però, il numero delle vittime: 636 decessi in 24 ore, contro i 525 di ieri, per un totale di 16.523 dall’inizio della pandemia. I guariti, invece, sono 1.022 in un giorno, per un totale 22.837.

Calo delle terapie intensive

Calano ancora i malati di coronavirus ricoverati nelle terapie intensive: 3.898 in tutto, 79 in meno rispetto a ieri. Di questi, 1.343 sono in Lombardia. Dei 93.187 malati complessivi, 28.976 sono poi ricoverati con sintomi – 27 in più rispetto a ieri – e 60.313sono quelli in isolamento domiciliare. Il capo della Protezione civile, ha inoltre fatto sapere di aver firmato un’ordinanza che prevede l’istituzione di un fondo per “destinare provvidenze ai familiari dei sanitari deceduti in questa emergenza”. Borrelli ha ringraziato pubblicamente la famiglia dell’imprenditore Diego Della Valle, che ha dato il via all’iniziativa alimentando il fondo

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.