Covid-19, 55 vittime in 24 ore ma aumentano i contagi: 318

Calano i decessi: è il numero più basso dal 2 marzo. Otto Regioni con zero nuovi casi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:25

Cinquantacinque vittime in 24 ore, in ulteriore calo rispetto alle 60 di ieri, ma con un incremento di 318 casi di coronavirus nel nostro Paese, superiore rispetto ai 178 di ieri. Questo il bilancio del 2 giugno, Festa della Repubblica, con l’andamento del Covid-19 che resta negli standard previsti e fa registrare otto regioni italiane a zero nuovi casi: Puglia, Trentino Alto Adige, Umbria, Sardegna, Valle d’Aosta, Calabria, Molise e Basilicata. Il dato complessivo del nostro Paese, compresi decessi e guarigioni, si attesta ora a 233.515 contagiati. Anche l’aumento odierno si è concentrato per la maggior parte in Lombardia: 187 in più (50 nella giornata di ieri), un incremento del 58,8% sul dato totale in Italia. Al momento sono 39.893 i malati di coronavirus in Italia, 1.474 meno di ieri, quando il calo era stato di 708. Per quanto riguarda le vittime, si tratta del numero più basso registrato dal 2 marzo, quando erano state 52: il conteggio sale a 33.530.

Il bilancio regionale

I ricoveri in terapia intensiva sono al momento 408, 16 meno di ieri. Sono 166 quelli in Lombardia, uno in meno di ieri, mentre i malati con sintomi sono 5.916, con un calo di 183 rispetto a ieri, mentre quelli in isolamento domiciliare sono 33.569, con un calo di 7798 rispetto a ieri. Per quanto riguarda i guariti, il conteggio si attesta a 160.092, per un aumento in 24 ore di 1.737 unità (ieri erano state dichiarate guarite 848 persone). Sul piano regionale, oltre alla Lombardia, i territori più colpiti sono quello del Piemonte, 57 casi, 19 in Emilia Romagna, di 15 in Liguria. Casi zero in 8 regioni: Valle d’Aosta, Trentino Alto Adige, Umbria, Molise, Basilicata, Puglia, Calabria, Sardegna.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.