Coronavirus, 20.159 casi e 300 vittime: risale il tasso di positività

I dati rilasciati dal Ministero della Salute indicano una nuova crescita del tasso di positività, che sale al 7,2%. Vaccini, il Lazio sfiora quota 800 mila

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:25
Coronavirus dati

Sono altri 20.159 i casi di coronavirus in Italia. I dati del Ministero della Salute sono stati diramati a seguito dei 277 mila tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. Numeri che riportano il tasso di positività al 7,2%, in salita rispetto al 6,7% della giornata di ieri. Il totale dei contagi nel Paese tocca quota 3.376.376. Per quanto riguarda i decessi, quelli giornalieri sono 300 e portano il totale, dall’inizio della pandemia, a 104.942.

Coronavirus, i dati regionali

Per quanto riguarda le terapie intensive, sono 3.448 i pazienti ricoverati in tali reparti, 61 in più di ieri. Gli ingressi giornalieri sono stati 232 (contro i 243 di ieri). I ricoveri nei reparti ordinari sono 27.484, +423 nelle ultime 24 ore. Sul piano regionale, i maggiori contagi vengono registrati in Lombardia, con 4.003 complessivi nell’ultima giornata. A seguire l’Emilia-Romagna (2.448), la Campania (1.810) e il Lazio (1.793).

D’Amato: “Andiamo verso le 800 mila vaccinazioni”

La situazione nel Lazio è stata illustrata dall’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato: “Diminuiscono i casi e i decessi mentre aumentano i ricoveri e le terapie intensive. Il rapporto tra positivi e tamponi è a 12%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale è al 5%. I casi a Roma città sono a quota 700. Alla fine della prima settimana di zona rossa si vede un primo segnale di frenata dei contagi. Rispetto alla scorsa domenica il numero dei casi è in diminuzione. Oggi andiamo verso la quota delle 800mila vaccinazioni”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.