Coronavirus, 27.354 positivi su 152.663 tamponi. Le vittime sono 504

Il nuovo bollettino del Ministero della Salute: il rapporto fra test e nuovi positivi sfiora il 18%. Altre 70 le terapie intensive

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:55

Cinquecentoquattro vittime e 27.354 nuovi positivi: questo il bilancio del Ministero della Salute sull’andamento della pandemia da coronavirus in Italia. Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 152.663 tamponi, meno dei 195.275 di ieri. Il rapporto test e nuovi positivi sfiora quindi il 18%. Il numero dei decessi sale a 45.733, mentre il totale dei positivi dall’inizio della pandemia (inclusi decessi e guarigioni) arriva a 1.205.881. Le terapie intensive crescono di 70 unità, per un totale di 3.492. I ricoverati con sintomi crescono di altre 489 unità, 32.536 in tutto. I guariti sono 9.376 nelle ultime 24 ore, 420.810 dall’inizio dell’emergenza. Gli attualmente positivi in Italia sono 712.490.

Coronavirus e Regioni

A livello regionale, è ancora una volta la Lombardia a fare da aprifila con 4.128 nuovi casi. Solo pochi in più della Campania (4.079), diventata zona rossa da poche ore. Seguono Piemonte (3.476), Emilia Romagna (2.547), Toscana (2.433) e Lazio (2.407). Fra le altre, c’è anche chi si appresta a diventare zona rossa. Il 18 novembre toccherà all’Abruzzo, dove le scuole resteranno comunque aperte. “Abbiamo assunto la decisione di firmare un’ordinanza che applica alla Regione Abruzzo – ha detto il governatore Marco Marsilio – la disciplina contenuta nell’articolo 3 del Dpcm e cioè quella delle cosiddette zone rosse e non di più”. Anche la Basilicata (zona arancione dall’11 novembre) va verso nuove chiusure, e in questo caso con riguardo anche alle scuole. “La decisione, in questo momento necessaria, di prevedere qualche giorno di didattica a distanza per le scuole primarie e secondarie di primo grado, servirà a diminuire la diffusione del virus e la conseguente pressione sulle strutture ospedaliere lucane”.

Puglia e Liguria

Appelli alla chiusura arrivano anche dalla Federazione nazionale degli Ordini dei Medici. Il cui presidente, Filippo Anelli, fa riferimento alla Puglia, dove ricopre il ruolo di presidente dell’Ordine dei Medici a Bari: “Il virus continua a diffondersi a una velocità preoccupante in Puglia. L’assessore Lopalco chieda subito al governo di rendere la Puglia regione rossa“. Anche in Liguria la vigilanza resta alta: “A oggi – ha detto il governatore Giovanni Toti – l’indice Rt in Liguria secondo i nostri calcoli è intorno a 1,06-1,07. Questa settimana sarà fondamentale per vedere l’andamento dei dati. Se entro la fine del mese l’Rt scende sotto 1 e il numero di ricoverati comincia sensibilmente a scendere potremo ragionare di interventi ampliativi”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.