Coronavirus: morto lo scrittore cileno Luis Sepulveda, aveva 70 anni – VIDEO –

Era ricoverato da fine febbraio in ospedale a Oviedo (Spagna) dopo aver contratto l'infezione. Avrebbe compiuto 71 anni il prossimo 4 ottobre

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:25

Luis Sepulveda è morto. A dare la notizia il quotidiano spagnolo El Paìs. Lo scrittore cileno, nato nel 1949, è deceduto a causa del coronavirus. Era ricoverato da fine febbraio in ospedale a Oviedo – in Spagna – dopo aver contratto l’infezione. L’autore de “La gabbianella e il gatto”, di cui nelle settimane scorse si era tornato a parlare proprio a causa del fatto che aveva contratto il virus e sviluppato il Covid-19, con tanto di fake news circolate sulla possibilità che si trovasse in coma (notizia prima confermata e poi smentita) non ce l’ha fatta. Avrebbe compiuto 71 anni il prossimo 4 ottobre. Lascia la moglie, la poetessa tedesca Carmen Yáñez, e due figli.

Una vita tra letteratura e politica

Luis Sepúlveda Calfucura (Ovalle, 4 ottobre 1949 – Oviedo, 16 aprile 2020) è stato uno scrittore, giornalista, sceneggiatore, regista e attivista cileno naturalizzato francese. Nato in Cile, Sepúlveda ha lasciato il suo Paese al termine di un’intensa stagione di attività politica, conclusasi drammaticamente con l’incarcerazione da parte del regime del generale Augusto Pinochet. Ha viaggiato a lungo in America Latina e poi nel resto del mondo, anche al seguito degli equipaggi di Greenpeace. Dopo aver risieduto ad Amburgo e a Parigi, è andato a vivere in Spagna, nelle Asturie. Autore di libri di poesia, “radioromanzi” e racconti – oltre allo spagnolo, sua lingua madre, parlava correttamente inglese, francese e italiano – ha conquistato la scena letteraria con il suo primo romanzo, “Il vecchio che leggeva romanzi d’amore”, apparso per la prima volta in Spagna nel 1989 e in Italia nel 1993. Amatissimo dal suo pubblico, in particolare dai lettori italiani, ha pubblicato da allora numerosi altri romanzi, raccolte di racconti e libri di viaggio, tra i quali spicca “Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare”, adottato come testo di lettura in numerose scuole primarie italiane. Ha sposato in prime nozze la poetessa Carmen Yáñez, che gli ha dato un figlio. Dopo aver divorziato si è unito in matrimonio con una donna tedesca, ma anche questo matrimonio è naufragato. In seguito, ha risposato Carmen, divenuta nel frattempo madre di un secondo maschio.

Nel video, l’intervista di Federico Taddia a Luis Sepulveda, sul suo libro “Storia di una lumaca che scoprì l’importanza della lentezza” dove la protagonista è una lumaca con una grande inquietudine che si pone domande importanti sulla sua natura.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.