Coronavirus, Merkel: “Natale con regole Covid ma non sia in solitudine”

La Germania in lockdown light: "Una pandemia capita una volta ogni secolo. Ancora lontana la luce in fondo al tunnel"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:29

Un Natale prudente ma nella speranza che non sia da soli. Anche se per la cancelliera tedesca, Angela Merkel, è difficile ipotizzare un cenone di San Silvestro in grande stile. Nella conferenza stampa che inaugura il mini-lockdown per la Germania, il leader del governo teutonico dà conto delle misure in entrata ma, più in generale, fornisce il quadro che accompagna il Paese nella nuova fase di restrizioni. Con la consapevolezza che la Germania, come del resto anche gli altri Paesi, in una situazione eccezionale. “Dobbiamo essere coscienti del fatto che ci troviamo in una pandemiaha detto Merkel -, e che si tratta di un evento particolare. Si può probabilmente dire che si tratta di un evento che avviene una volta ogni secolo”.

Verso l’inverno

Davanti alla Germania (e al resto d’Europa) un inverno che si preannuncia complicato. E che, di sicuro, sarà diverso rispetto a quelli che l’hanno preceduto. “Abbiamo quattro mesi invernali lunghi davanti a noi” e “la luce alla fine del tunnel è abbastanza lontana“. Il paragone avanzato dalla cancelliera tedesca è quello con una “catastrofe naturale”, una situazione che “non dipende dalla politica”. La Germania adotta oggi nuove misure restrittive, non come a marzo ma su livelli simili, utili secondo Merkel a incrinare la curva dei contagi. Anche se i risultati che ne deriveranno “non dipendono solo dalle regole, ma anche dal fatto che queste verranno rispettate“. Natale non farà eccezione: “Sarà con le misure del Coronavirus, ma non dovrà essere un Natale in solitudine”.

Merkel: “Fascia a rischio fra il 30 e il 50%”

Una data, quella del 25 dicembre, ancora lontana se si pensa che il lockdown in Germania finirà il prossimo 30 novembre e che già alla metà del mese si valuterà l’andamento dei contagi e la situazione complessiva del Paese. L’obiettivo è perlomeno dimezzare la curva dei contagi, riportandola sui 50 ogni 100 mila abitanti. E farlo in appena sette giorni, così da “ricostruire la catena dei contatti”. Al momento, per la Germania che entra nel nuovo lockdown “la fascia a rischio per il Covid rappresenta fra il 30 e il 50% della nostra società. Non stiamo parlando di una piccola parte di una quota del 2%”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.