Coronavirus, lockdown mirati nel Regno Unito: chiusure a Liverpool

Il premier Johnson annuncia nuove chiusure per contenere il dilagare della pandemia, oggi a livelli superiori persino al mese di marzo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:43

Numeri impietosi nel Regno Unito. Contagi superiori addirittura al mese di marzo, quando si pensava che il coronavirus stesse attraversando la sua fase più acuta e critica. In parte Downing Street ha già deciso di applicare un nuovo lockdown. Settoriale per ora. Una politica che il governo Johnson sembra intenzionata a proseguire. Il premier ha infatti annunciato che, vista la situazione, si procederà a nuove chiusure ma in modalità locale. A Liverpool ad esempio, dove chiuderanno pub e bar e verranno vietati gli incontri nelle case. Stretta anche su palestre, casinò e negozi di scommesse. Una misura necessaria, ha spiegato Johnson, per contenere il dilagare del Covid-19 che, ora come ora, sta vessando la Gran Bretagna a livelli che non si erano toccati nemmeno nei tempi del lockdown vero e proprio.

Lockdown locali

“I ricoveri per Covid hanno superato quelli di marzo – ha detto il premier in Parlamento – e bisogna abbassare i contagi, altrimenti avremmo troppe vittime sulla coscienza. Ci aspettano settimane e mesi molto difficili”. Per il momento, i maggiori casi si concentrano nel nord del Paese. Per questo, dopo aver applicato rigide chiusure nel resto del Merseyside, l’attenzione del governo si concentra anche sulla città di Liverpool. L’obiettivo dichiarato, è interrompere la progressione verso il sud e verso Londra, così da rendere valida la strategia dei lockdown mirati. E impedirne uno nazionale che, opinione generale, assesterebbe al Regno Unito un colpo forse da k.o. Anche perché non va dimenticato che, virus o non virus, l’affaire Brexit dev’essere in qualche modo sbrogliato.

Liverpool come Glasgow

Misure restrittive paventate già durante la riunione del Comitato d’emergenza Cobra. E applicate, con disposizioni annunciate già prima del vertice congiunto di tutti i premier, già dalla Scozia di Nicola Sturgeon. Una stretta che conferma la localizzazione settentrionale della principale area di contagio e che, nondimeno, ribadisce l’intenzione dei governi britannici di applicare misure drastiche per potare l’invasiva rampicante.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.