Home News Coronavirus, Johnson sotto ossigeno ma senza ventilatore

Coronavirus, Johnson sotto ossigeno ma senza ventilatore

Il ministro dell'Ufficio di Governo, Michael Gove, parla di un premier "pieno di vita". Ma il Regno Unito è sotto choc

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:10

In terapia intensiva ma non attaccato al ventilatore polmonare. Le condizioni di Boris Johnson restano stabili dopo l’improvviso trasferimento di ieri sera, ma preoccupano inevitabilmente il Regno Unito, che in lui ha riposto pienamente la propria fiducia per l’affaire Brexit e per tutta la fase successiva, quella più delicata. Per questo i britannici si aspettano che il premier vinca la sua battaglia, per poi riprendere le fila del discorso e assolvere al compito che gli hanno affidato con le elezioni di dicembre, chiuse con la maggioranza assoluta e il mandato di tirar fuori la Gran Bretagna da un pantano politico-economico-istituzionale.

Al momento, ha spiegato a Radio Lbc il ministro dell’Ufficio di governo, Michael Gove, “il primo ministro ha ricevuto un po’ di sostegno attraverso l’ossigeno ed è tenuto sotto stretto controllo”, specificando che “non è un ventilatore” quello a cui è collegato. Nessun bollettino ufficiale da Downing Street, per il momento, ma il sentore, confermato da più voci, che le condizioni del premier siano rimaste invariate.

Ascesa fulminea

Una vicenda particolare quella di Boris Johnson, brexiteer della prima ora, sostenitore del no deal (o comunque di un accordo non troppo pacifico con l’Unione europea) e Tory secessionista all’epoca della tripla bocciatura del piano May. Poi leader conservatore in grado di perdere la maggioranza a Westminster (e quasi la leadership di partito) per poi riprendersela con gli interessi, nell’arco di un solo mese, sbaragliando la concorrenza e costringendo i rivali laburisti a ripartire da zero, accantonando cinque anni di altalenante guida di Jeremy Corbyn.

Un fulmine politico Johnson, che si era preso il Regno Unito nel momento peggiore promettendo finalmente ai britannici di vedere la luce in fondo all’ormai asfissiante tunnel della Brexit: “Speriamo tutti che possa essere rimesso in salute il più rapidamente possibile – ha detto ancora Gove – e questo è tutto ciò a cui stiamo pensando in questo momento… Johnson è in buone condizioni e pieno di vita”.

Posizioni controverse

Del resto, però, il suo approccio al caso coronavirus aveva fatto discutere anche gli stessi cittadini britannici. Inizialmente una posizione fin troppo leggera, con il lockdown disposto solo per gli anziani e nessuna intenzione di frenare l’attività produttiva del Paese come fatto dall’Italia e dalla Spagna, attirandosi qualche critica anche per alcune frasi giudicate decisamente poco adatte sia alla circostanza che al leader politico di un Paese, invitando ad esempio i britannici “ad abituarsi a perdere i propri cari”.

L’idea di fondo sul Covid-19 l’avrebbe cambiata presto, quando il contagio aveva iniziato a prendere piede anche Oltremanica, insinuandosi perfino nel suo ufficio a Downing Street. Ribadendo, per l’ennesima volta, di non fare distinzioni di sorta. Ora il Paese è sotto la guida provvisoria di Dominic Raab. Una sostituzione ma non in tutto e per tutto, dal momento che il ministro degli Esteri non può prendere nessuna decisione. La speranza che, al di là di ogni convinzione politica, si tratti solo di una soluzione temporanea e che il premier, entro breve, possa tornare al ruolo al quale i cittadini lo hanno chiamato.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.