Coronavirus, boom di casi in Francia: più di 3 mila in 24 ore

Salgono i contagi nel Paese, dove sono stati individuati 17 nuovi focolai. Numeri alti anche negli Stati Uniti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:33
La Tour Eiffel è stata chiusa a seguito dell'emergenza di Covid-19 - Foto © Gonzalo Fuentes per Reuters

Nonostante i tentativi di riportare una sostanziale normalità, il coronavirus continua la sua corsa nella quotidianità dei Paesi europei. A farne le spese, nelle ultime 24 ore, è stata in particolar modo la Francia: 3.310 contagi giornalieri, un boom che rappresenta un record dalla fine del lockdown e che, nondimeno, suona un preoccupante campanello d’allarme.

I numeri di francia

Secondo il comparto sanitario del Paese, il tasso di positività è balzato nuovamente al 2,6%, con ben 17 nuovi focolai individuati in tutto il Paese, per un totale di 250. Un dato che conferma il sentore espresso nei giorni scorsi dal governo francese, secondo il quale il Paese stava procedendo “nella direzione sbagliata“.

Il caso Stati Uniti

La recrudescenza del Covid-19, a ogni modo, sembra riguardare generalmente quasi tutti i Paesi. Negli Stati Uniti, ad esempio, i numeri continuano a essere preoccupanti: 47.913 nuovi casi di Covid-19 e 1.029 nuovi morti, dati più contenuti rispetto a ieri ma comunque elevati, come riferito dalla Johns Hopkins University.

In totale, gli Usa fanno i conti con 5.361.165 casi e 169.481 decessi totali, con il sistema sanitario nazionale che parla del “peggior fallimento sanitario mai avvenuto” qualora non si rispettassero le disposizioni di sicurezza. Sono 70 milioni i test eseguiti dagli Usa, con riscontro di una positività del 71%. Una situazione che, secondo Trump, non sta influendo sulla ripresa dell’economia americana.

In aggiornamento

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.