Coronavirus, calano i contagi: 1.365 in 24 ore, 4 i decessi

Il bollettino del Ministero della Salute indica l'andamento della pandemia, riportando un calo nel numero dei tamponi: 81.723 contro i quasi 100mila di ieri

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:10

Continuano a scendere i contagi da coronavirus in Italia: 1.365 i nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore, contro i 1.444 di ieri. Calano anche i tamponi, con 81.723 effettuati rispetto ai quasi 100 mila di ieri. Mancano però i dati della Regione Basilicata, che comunicherà il numero dei test solo nella giornata di domani. Sale leggermente il numero delle vittime, che salgono a 4 a fronte dell’unica registrata nella giornata di ieri. Secondo i dati diffusi dal Ministero della Salute, quindi, il conteggio complessivo dei decessi sale a 35.477 dall’inizio della pandemia. Salgono leggermente i pazienti in terapia intensiva (+7), per un totale di 86. Per quanto riguarda i guariti, i 312 di oggi portano il totale a 208.536. I positivi attuali toccano quota 24.205 (+1.049).

Coronavirus: Lombardia, Lazio e Sardegna

In Lombardia, sono 235 i casi registrati nelle ultime 24 ore, con 3 decessi. Sale però il numero dei dimessi e dei guariti (+48). Sale anche qui di poco il numero dei pazienti in terapia intensiva: 20, + 2 rispetto a ieri. I tamponi effettuati sono 12.863, il totale complessivo sale a 1.586.967. Per quanto riguarda il Lazio, come riferito dall’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato, su circa 13 mila tamponi oggi nel Lazio si registrano 156 casi, di cui 71 a Roma, e zero decessi. Si conferma una prevalenza dei casi di rientro (circa 55%) e con link dalla Sardegna (circa 40%). Cala il numero dei positivi e l’incidenza e questo è un segnale importante”. In Sardegna, invece, si contano 2.114 casi di Covid-19 complessivi dall’inizio della pandemia. La regione, al centro delle cronache nelle ultime settimane, ha registrato 22 nuovi casi nelle ultime 24 ore. Nessuna vittima, con il numero che resta a 134.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.