Coronavirus: 28.337 nuovi casi su 188.747 tamponi, 562 i decessi

Il Ministero della Salute sull'andamento della pandemia in Italia: il tasso di positività risale al 15,01%. Altri 43 pazienti in terapia intensiva , i guariti sono 13.574

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:56

Sono 28.337 i nuovi casi di coronavirus in Italia, a fronte di 188.747 tamponi effettuati, e 562 decessi. Questo il quadro del Ministero della Salute sull’andamento della pandemia nelle ultime 24 ore. Il totale dei contagiati dall’inizio dell’emergenza raggiunge quota 1.408.868, mentre le vittime salgono a 49.823. Il tasso di positività cresce leggermente rispetto a ieri: il rapporto fra test e nuovi positivi sale al 15,01% (+0,4%). Per quanto riguarda le terapie intensive, l’incremento registrato è di 43 pazienti (+ 13 rispetto a ieri), per un totale di 3.801 ricoverati. Nei reparti ordinari sono ricoverate 34.279 persone, 216 in più di 24 ore fa. In isolamento domiciliare si trovano 767.867 persone, 13.94132 in più. I guariti sono invece 553.098, +13.574 nell’ultima giornata.

Coronavirus, il quadro delle regioni

Resta la Lombardia la regione a maggior numero di casi, con 5.094 registrati nelle ultime 24 ore. A seguire la Campania, con 3.217 casi, poco più dei 2.956 del Veneto. Altri 2.665 in Emilia-Romagna, seguita dal Piemonte (+2.641). Per quanto riguarda il Lazio, come spiegato dall’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato, “su quasi 25mila tamponi nel Lazio (-5.403) si registrano 2.533 casi positivi (-125), 20 decessi (-17) e +336 guariti. Torna al 10% il rapporto tra positivi e tamponi, calano i decessi e calano i positivi”. Sul fronte vaccini, la regione della Capitale sta preparando “il piano per i primi 200mila vaccini Covid destinati a tutto il personale sanitario e delle rsa, compresi gli anziani, tutti i medici di medicina generale, i pediatri e i farmacisti”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.