Coronavirus, 137mila morti nel mondo, in Cina zero decessi

Preoccupa la situazione in Libia: 48 i casi confermati. Corea Sud, 22 nuovi casi e 4 decessi, tasso di guarigione al 73%

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:04

I casi confermati di contagio da coronavirus nel mondo sono 2.064.115. A riportare il dato aggiornato è il sito del Coronavirus Resource Center della John Hopkins University. I decessi legati al Covid-19 nel mondo sono 137.020, secondo la stessa fonte. La pandemia continua a stravolgere e paralizzare il mondo, con gli Stati Uniti che restano il Paese più colpito: hanno 610mila casi, seguiti da Spagna (180mila), Italia (162mila) e Germania (134mila). Ma sono dati sottostimati.

Cina

La Cina ha registrato mercoledì 46 nuovi casi di coronavirus, di cui 34 importati e 12 domestici, relativi a Guangdong (5), Heilongjiang (4) e Pechino (3). La Commissione sanitaria nazionale (Nhc), nel suo bollettino quotidiano, ha riportato anche zero nuovi decessi. I contagi di ritorno sono saliti a 1.534 totali, di cui 636 risoltisi con la guarigione. Le infezioni sono salite a 82.341 nel conteggio complessivo su scala nazionale, con 1.107 persone sotto trattamento medico, 3.342 decessi e 77.892 pazienti che si sono ripresi, portando il tasso di guarigione al 94,59%. I nuovi asintomatici sono 64, inclusi 3 dall’estero: il numero di persone sotto osservazione medica – scrive Ansa – è di 1.032.

Spagna

Continua a migliorare leggermente la situazione in Spagna, dove i decessi giornalieri sono scesi a 523 (in tutto i morti sono 18.812) e i contagi sono 180.659.

Germania

Guarda alla “fase 2” la Germania: governo e Land hanno concordato di estendere il distanziamento fino al 3 maggio, ma il giorno dopo cominceranno a riaprire le scuole. “Un fragile successo temporaneo”, ha commentato la cancelliera Angela Merkel. I casi di Covid-19 sono 134.753, oltre 3.804 i decessi.

Iran

L’Iran è da tempo considerato un Paese che ha sottostimato il numero reale del contagio.  Ora, a evidenziarlo, è un rapporto del centro ricerche del Parlamento. I dati ufficiali parlano di 4.777 morti e 76.400 contagi, ma per gli esperti i morti sarebbero il doppio (8.500) e i casi “tra otto e dieci volte” di più (fino a 760mila).

Bandiera iraniana

Usa

Sono 609.995 i casi di Coronavirus negli Stati Uniti e 26.069 i decessi. E’ il bilancio aggiornato della pandemia della Johns Hopkins University. I dirigenti dell’intelligence Usa e della sicurezza nazionale americana stanno esaminando tra le possibilità quella che il nuovo coronavirus sia nato non in un mercato,ma in un laboratorio di Wuhan e che si sia diffuso per un incidente. Tutti gli aggiornamenti su covid-19 in Usa sono leggibili qui.

Libia

Preoccupa la situazione in Libia dove si registrano altri nuovi casi di coronavirus che portano il totale dei contagi confermati a 48. Lo rende noto il Centro nazionale libico per il controllo delle malattie sulla propria pagina Facebook precisando che i malati guariti sono 11. Finora nel Paese nordafricano il virus ha provocato un morto. Ieri il ministr tunisino aveva lanciato l’allarme: almeno 650mila persone sarebbero in attesa di lasciare le coste libiche per la Tunisia e l’Europa.

Corea del Sud

La Corea del Sud ha registrato mercoledì 22 nuovi casi di coronavirus, portando il totale delle infezioni a livello nazionale a 10.613. Secondo gli aggiornamenti quotidiani forniti dal Korea Centers for Disease Control and Prevention (Kcdc), si tratta del quarto giorno di fila con casi di contagio sotto quota 30. Sono 229 i decessi totali (+4 rispetto a martedì) mentre i pazienti dimessi dagli ospedali o che hanno concluso il periodo di quarantena per il recupero dall’infezione sono aumentati di 141 unità, (7.757 in totale) portando il tasso di guarigione al 73%.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.