Coppa Italia, Juve in finale senza gol: col Milan basta lo 0-0

Nel silenzio dello Stadium, i bianconeri accedono alla finalissima di Roma con un pareggio a reti bianche, forti dell'1-1 dell'andata. CR7 sbaglia un rigore, Rebic prende il rosso diretto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Foto © Twitter Juventus Fc

La Juve non brilla ma va in finale di Coppa Italia. Allo Stadium è solo 0-0 nella semifinale di ritorno, ma a Sarri basta l’1-1 dell’andata per fare festa e volare a Roma, dove mercoledì affronterà la vincente di Napoli-Inter di domani sera. Sarri sceglie Danilo a destra, Bentancur e Pjanic insieme in mezzo, Douglas Costa nel tridente. Nel Milan Rebic riferimento offensivo. Conti a destra, Paquetá dal primo minuto. Bianconeri con il 4-3-3: Buffon tra i pali, Danilo, de Ligt, Bonucci, Alex Sandro sulla linea difensiva, Bentancur, Pjanic, Matuidi in mezzo al campo, davanti Douglas Costa e Dybala accanto a Cristiano Ronaldo. Pioli disegna invece il Milan con un 4-2-3-1 con Donnarumma a difesa dei pali, linea a quattro con Conti, Kjaer, Romagnoli e Calabria. Kessie, Bennacer davanti alla difesa, Paquetà, Calhanoglu e Bonaventura alle spalle di Rebic. Nella Juve non convocati Chiellini, Higuain, Demiral e Ramsey, mentre il Milan deve fare a meno degli squalificati Ibrahimovic, Theo Hernandez e Castillejo, oltre gli infortunati Duarte e Musacchio. Un minuto di raccoglimento prima del via per le vittime del coronavirus. Arbitra Orsato, nel silenzio dello Stadium.

Juve in forma

Partono forte e meglio i bianconeri che impostano senza affanni, Milan sorpreso dalla partenza lampo della squadra di Sarri che dopo una manciata di secondi va subito al tiro con una rasoiata di Douglas Costa che finisce di poco a lato. Sta meglio la squadra di Sarri e si vede. In mezzo i bianconeri prendono subito il sopravvento, Bentancur e Matuidi sostengono Pjanic nella costrruizione del gioco, facilitata dalla mancata di pressione dei rossoneri che soffrono maledettamente a destra. De Ligt francobolla Rebic e le ripartenze rossonere tramontano in un misero amen. Danilo e Dybala se ne vanno via che è un piacere, il Milan continua a soffrire.

Doppio errore

Conti allarga il braccio sulla percussione di Cristiano Ronaldo. Orsato si affida alla visione di Aureliano al Var, poi va a controllare e indica il dischetto. Dagli undici metri Ronaldo, Donnarumma intuisce, ma il rasoterra del portoghese centra in pieno il palo. Ghiotta occasione fallita dai bianconeri che alla ripresa del gioco vanno con l’uomo in più. Folle intervento di Rebic su Danilo e rosso diretto. Sessanta secondi, anche meno, ed è la prima svolta della partita: il Milan salva il risultato grazie all’errore del portoghese, ma rimane in dieci. E sarà dura anzi, durissima, perché la Juve dimostra di essere più in forma, anche se i rossoneri escono fuori alla distanza, ma senza mai farsi vedere dalle parti di Buffon. La Juve continua a fare la partita ma non la sblocca e il Milan tiene nonostante l’uomo in meno. Zero a zero all’intervallo, con l’inerzia della partita tutta dalla parte dei bianconeri forti dell’1-1 dell’andata. Pesa come un macigno l’errore di Ronaldo, come pesa l’ingenuità di Rebic che ha lasciato Pioli in dieci.

Pressing sterile

Una percussione di Bonaventura con il colpo di testa di Calhanoglu di poco fuori a spezzare l’egemonia bianconera. Kessie mura Dybala che si era inserito con i tempi giusti. Pioli cambia, dentro Leao fuori Bonaventura che pure era apparso più incisivo di altri compagni. E l’esterno non la prende bene. Cambia anche Sarri, non uno, ma tre tutti in una volta: dentro Khedira, Bernardeschi e Rabiot, fuori Douglas Costa, Pjanic e Matuidi. Fuori tutta la mediana, con Bernardeschi che va a posizionarsi a destra e Ronaldo punta centrale. Calabria prova a spingere il Milan, ma le idee sono leggermente offuscate. La Juve ci prova,  ma non sfonda perché il Milan dietro arrota i bulloni a protezione di Donnarumma. Al Milan serve un gol per arrivare in finale, si sbilancia e lascia spazio a qualche controgioco velenoso dei bianconeri.

Finale di Coppa Italia

Quindici alla fine, non si sblocca anche se il Milan comincia a farsi vedere con insistenza dalle parti di Buffon. Leao spinge bene, Kjaer salta bene in area e spedisce fuori di poco, mentre dalla parte opposta Dybala scalda i riflessi di Donnarumma che devia in angolo. Due cambi nel Milan, con Pioli che spedisce nella mischia il baby Colombo, promettente prodotto della Primavera, e Krunic al posto di Kessie e dell’evanescente Paquetà. Sarri non si accontenta, chiede ai suoi un pressing alto per tenere lontani i rossoneri dall’area juventina ed evitare rischi inutili. Fuori Danilo, dentro Cuadrado, ancora un cambio per il tecnico bianconero che si affida ad un falso terzino per tenere alto il baricentro. E quando il cronometro segna meno tre alla fine, ultimi due cambi per Pioli: escono Calabria e Conti per far posto a Laxalt e Saelemaekers. Quattro di recupero per le speranze rossonere, che tramontano in un misero amen. In finale di Coppa Italia va la Juventus che aspetta domani di conoscere l’avversaria tra Napoli e Inter.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.