Primo piano

Champions, al Milan il primo round

Il primo ottavo è rossonero. Al Milan basta un gol di Brahim Diaz all’alba della partita, per ridurre ai minimi termini il Tottenham che in verità fa poco o nulla per evitare la sconfitta. Tanta difesa, idee poche e occasioni zero. L’esatto contrario del Milan che invece fa la partita, con grande acume tattico, la sblocca subito con Brahim Diaz, ma non riesce a trovare il raddoppio che avrebbe meritato e reso meno complicata la gara di ritorno dell’8 marzo a Londra.

Le scelte di Pioli e Conte

Atteggiamento tattico speculare da parte dei due tecnici, schierati entrambi con il 3-4-2-1. Nel Milan padrone di casa, non c’è Tomori che non va neanche in panchina, al suo posto Kjaer che si posiziona accanto a Kalulu e Thiaw davanti a Tatarusanu. Sugli esterni Saelemaekers e Theo Hernandez, con Krunic e Tonali centrali, quindi Leao e Brahim Diaz alle spalle di Olivier Giroud. Nel Tottenham, Conte deve fare…conti con le tante assenze: Forster tra i pali, quindi nel tre dietro Lenglet, Dier e Romeno. In mezzo Sarr e Skipp, con ai lati Perisic ed Emerson. Harry Kane in prima linea, supportato da Son e Kukusewski. Direzione di gara affidata allo svizzero Scharer. Sold out al Meazza per l’andata degli ottavi di Champions. Si inizia con il minuto di silenzio per le vittime del disastroso terremoto in Turchia e Siria.

La sblocca Brahim Diaz

Un primo tempo bloccato, con due squadre che si rispettano e si temono. Emozioni pari allo zero se non il gol lampo che arriva dopo una manciata di minuti che sblocca una partita complicatissima ma giocata decisamente meglio dalla squadra di Stefano Pioli che gioca un primo tempo di grande intensità, compatta tra le linee, spazi zero concessi all’avversario, ma soprattutto uno spirito di squadra tornato a fiorire dopo tanto tempo. Di contro un Tottenhan nullo, molto vicino a quello tritato in campionato dal Leicester e lontano da quello che aveva messo in riga il Manchester City.

Merito soprattutto del Milan che concede nulla, dietro Kalulu e Thiaw non regalano la miseria di un pallone ai bianchi di Londra, Tomori è bravo, ma lo è anche Krunic nell’andare a pressare il portatore di palla. E sugli esterni non c’è partita perché quando Theo accelera non ce n’è per nessuno, e Leao non è da meno. Bravo anche Giroud che si abbassa a dare una mano ai compagni. E proprio da una giocata del francese nasce il vantaggio: vince un contrasto con Romero e punta l’area, Forster respinge la conclusione, ma sulla ribattuta è pronto Brahim Diaz a ribadire in rete. Esplode San Siro e la gente rossonera. Il Tottenham non si vede se non nel finale grazie ad una leggerezza di Tatarusanu che per poco non diventa un assist per un avversario. Per il resto, zero. E al Milan, va bene così.

La vince il Milan

Il Milan parte meglio anche ad inizio ripresa nell’intento di dare maggior peso al vantaggio. Leao se ne va, la rimette in mezzo per Brahim che perde l’attimo. Tottenham ancora impalpabile, gioca d’attesa. Pensieroso Conte. Kane è stretto in una morsa e non la prende quasi mai, con gli inglesi che sprecano anche le palle inattive. E Kane non la prende bene. Così Conte effettua il primo cambio: fuori Kulusevski, dentro Richarlison. Venti alla fine con il Milan che controlla ma con gli inglesi che provano a farsi vedere dalle parti di Tatarusanu con Lenglet, salva tutto Kjaer. Doppio cambio per Pioli che inserisce Messias e De Ketelaere al posto di Saelemaekers e Brahim Diaz quando ne mancano appena tredici alla fine. E in un battito di ciglia, il Milan spreca due ghiottissime occasioni per chiuderla, prima con De Ketelaere poi con Thiaw che spedisce fuori da due passi. Dentro Danjuma per Son nel Tottenham agli sgoccioli del match. Cambio anche per Pioli, fuori Tonali dentro Pobega quando il tabellone di San Siro dice quattro alla fine. Il Milan esce bene con Giroud dalla propria metà campo, imbeccata per Leao che si allunga troppo il pallone che finisce tra le braccia di Forster. Dentro Rebic per Leao. E adesso solo recupero: sei i minuti ancora da giocare. Dove succede praticamente nulla. Vince il Milan, col minimo scarto, ma poteva andare meglio. Al ritorno, a Londra, servirà lo stesso atteggiamento e la stessa voglia vista stasera. Perché il Milan è proprio piaciuto.

Massimo Ciccognani

Recent Posts

Bangladesh: la polizia spara sui manifestanti

Scontri sempre più violenti in Bangladesh tra la polizia e i manifestanti, quasi tutti studenti…

20 Luglio 2024

Trump: “Ho parlato con Zelensky, metterò fine alla guerra in Ucraina”

La guerra in Ucraina giunge al giorno 878. Donald Trump intanto ha detto di aver…

20 Luglio 2024

Sant’Apollinare: cosa significa il suo nome

Sant'Apollinare, vescovo e martire, patrono di Ravenna e dell'Emilia Romagna. E' originario di Antiochia. La…

20 Luglio 2024

“Annuncerà alle nazioni la giustizia” Il commento di mons. Angelo Spina

Dal Vangelo secondo Matteo Mt 12,14-21 https://www.youtube.com/watch?v=Afh6qHkhf4A   In quel tempo, i farisei uscirono e…

20 Luglio 2024

Cure gratuite per i poveri in Uganda. Missione-Kasese

In missione in Uganda dalla parte degli ultimi. A causa della povertà e della conseguente…

20 Luglio 2024

Alzheimer: corsa contro il tempo per i nuovi farmaci

Alzheimer: corsa contro il tempo per individuare protocolli che consentano terapie, cure e prevenzione. La…

20 Luglio 2024