Media spagnoli, Carles Puigdemont arrestato in Sardegna

L'ex presidente catalano era atteso ad Alghero per l'inaugurazione del programma dell'annuale festa internazionale della cultura popolare catalana Adifolk

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:40

Secondo quanto riportato da diversi media spagnoli, l’ex presidente della Generalitat de la Catalunya – il governo locale catalano – ed attualmente eurodeputato Carles Puigdemont sarebbe stato arrestato dalla polizia ad Alghero, in Sardegna, dove avrebbe dovuto preso parte a un evento sulla cultura popolare catalana.

I tweet dell’avvocato

A dare per prima la notizia è stata la testata online El El Español. Le fonti citate dai mezzi d’informazione iberici sono l’avvocato di Puigdemont, Gonzalo Boye, ed esponenti del suo partito Junts Per Catalunya.

 

“Il presidente Puigdemont è stato arrestato al suo arrivo in Sardegna in base ad un ordine di arresto internazionale del 14 ottobre 2019 che, per imperativo legale – secondo lo statuto della Corte di Giustizia dell’Unione Europea – è stato sospeso“, ha comunicato su Twitter il suo legale.

 

Boye in un altro tweet ha scritto anche che “nella risoluzione del 30 luglio del Tribunale dell’Ue che avallava la revoca dell’immunità parlamentare per Puigdemont, la Spagna aveva garantito che nessun paese avrebbe eseguito un mandato d’arresto di questo tipo. Nella stessa delibera, il Vicepresidente del Tribunale aveva indicato che, ove necessario, si sarebbe chiesta una nuova misura cautelare”.

Il festival

Secondo quanto riportato dal sito alguer.it, l’ex presidente della Catalogna era atteso, insieme ad altre figure istituzionali catalane, tra cui la presidente del Parlamento di Barcellona Laura Borass, per l’inaugurazione della annuale festa internazionale della cultura popolare catalana Adifolk presso il Teatro Civico di Alghero.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.