Canarie, altre due eruzioni a La Palma: Sanchez promette aiuti

Continua l'attività del vulcano Cumbre Vieja. Il premier spagnolo annuncia 206 milioni per la ricostruzione delle infrastrutture e per le famiglie

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:11
Eruzione Canarie La Palma

Il vulcano Cumbre Vieja non dà tregua all’isola di La Palma, nelle Canarie. Altre due eruzioni hanno interessato il monte di fuoco, con nuove colate laviche lungo le sue pendici e un allarme che si protrae ormai da quindici lunghi giorni. Quasi mille le case distrutte dalla lava, un altro centinaio a fortissimo rischio, se non già colpite. Inoltre, 3.500 persone sono costretta a restare chiuse in casa per un’allerta legata alla qualità dell’aria. L’ultimo aggiornamento satellitare è stato fornito dal sistema europeo Copernicus Earth monitoring. Nelle ultime 24 ore, altri 66 edifici sono stati raggiunti e distrutti dalle colate di lava. Perlopiù case, ma anche magazzini e altre strutture.

La Palma, avanza la lava

Una progressione pressoché continua quella della lava, che aumenta d’intensità supportata anche dalle nuove eruzioni delle ultime ore. Al momento, sarebbero almeno 297,5 gli ettari coperti dall’avanzata del magma fuso, mentre l’estensione del tappeto di cenere raggiunge i 4.819. Oltre trenta chilometri di strade sono state colpite dagli effetti dell’eruzione, la quasi totalità distrutti dalla lava. Nel frattempo, il premier spagnolo Pedro Sanchez è tornato a La Palma, dopo una prima visita all’indomani della prima eruzione. Il capo del governo iberico ha fatto sapere che verranno disposti aiuti con uno stanziamento da 206 milioni di euro.

Lo stanziamento delle risorse

Il pacchetto di misure, definito consistente da El Pais, sarà approvato martedì prossimo dal Consiglio dei ministri. L’obiettivo è destinare le risorse alla ricostruzione delle infrastrutture dell’isola, così come al ripristino della distribuzione di acqua. Altri soldi verranno destinati all’occupazione, al turismo, alle famiglie e all’agricoltura, ambiti della vita quotidiana dell’isola messi in ginocchio dalle conseguenze delle eruzioni del Cumbre Vieja.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.