LUNEDÌ 04 MAGGIO 2015, 000:01, IN TERRIS

CAMPANIA, L'APOCALISSE DEL LAVORO

ANGELO PERFETTI
CAMPANIA, L'APOCALISSE DEL LAVORO
CAMPANIA, L'APOCALISSE DEL LAVORO
“Ho rotto il mio salvadanaio, i soldini che ho conservato voglio darli a voi così tornate a sorridere e giocare con me”. C’erano tremila lavoratori con gli occhi inumiditi dalle lacrime mentre Francesco, 8 anni, figlio di una giovane coppia di dipendenti ex Indesit, leggeva la sua letterina. L’occasione è stata il Primo Maggio, in un giorno dove a Carinaro, in Campania, non c’era nulla da festeggiare; uno schiaffo all’ipocrisia generale e agli annunci edulcorati di politici ed economisti. “Da qualche giorno – scrive il piccolo – vi vedo tristi, parlate a bassa voce. Vi ho chiesto il perché e mamma mi ha abbracciato forte. Vi ho chiesto perché oggi non è anche la vostra festa? Poi finalmente mi avete detto che c’è qualcuno che non vi vuole più far lavorare. Perché, avete fatto i monelli? Vi ho chiesto. Ma papà è andato sul balcone. Voi siete i nostri eroi – continua Francesco – e gli eroi come nei cartoni vincono sempre: dovete vincere per me e per mia sorella Sara che ha due anni”.

Non dovrebbe servire essere supereroi per poter sorridere con i propri figli, ma in questi tempi di crisi tutto diventa più difficile. Persino sedersi a tavola con la famiglia. E la situazione della Indesit-Whirpool, che la lettera di Francesco ha drammaticamente riportato all’interno delle mura domestiche, facendo toccare con mano cosa significhino quelle parole astratte tipo “piano industriale”, “esuberi”, “ricollocazioni” condite con numeri di persone che perdono il lavoro e pronunciate spesso come se dietro non ci fossero storie, sofferenze, drammi.

“Nella nostra regione – spiega Lina Lucci, segretario generale Cisl Campania - la situazione è drammatica: negli ultimi anni abbiamo perso 12 miliardi di euro di Pil, immaginare di recuperali senza avere in mente scelte precise è complicato. La crisi campana è anche legata al fatto che la precedente giunta regionale di centrosinistra aveva sforato il patto di stabilità. Dunque ci si è trovati con circa 15 miliardi di debiti, sottoposti a piano di rientro per la sanità, Irap e Irpef al massimo della tassazione locale, un settore trasporti indebitato per circa 600 milioni di euro. Abbiamo 30.000 lavoratori sotto ammortizzatori sociali – il che rischia di provocare anche uno scontro sociale -; dal 2014 chiudono in media 93 aziende al giorno. Sono numeri spaventosi, con dietro vicende devastanti…”

Eppure certi ritardi, scelte sbagliate, hanno nomi e cognomi… “Quella che tutti chiamano burocrazia ha responsabilità ben tracciabili; è fatta di dirigenti, assessori, apicali ministeriali. Utilizzano il meccanismo di dilazione dei tempi fino ad arrivare al rendere inutilizzabili per un progetto le risorse disponibili; se non addirittura usare i rinvii come metodo di corruzione. Come mai certi atti autorizzativi che dovrebbero essere evasi in pochi mesi si fermano per anni? E’ gravissimo ciò che si consuma tutti i giorni nel Paese, e soprattutto nelle regioni del Sud”.

Un esempio di risorse perse è quello della portualità e della logistica (3 porti nazionali, 3 regionali e 3 interporti). Quel progetto non piaceva ai petrolieri, e guarda caso sono sfumati i 240 milioni di euro che l’Europa aveva assegnato (dopo vent’anni) per colpa della “burocrazia”.

Così facendo – prosegue Lina Lucci – si fa implodere l’intero sistema, e ciò che sta accadendo alla Whirpool è l’estrema conseguenza di tutto. La crescita occupazionale, così come la crescita economica, non sono variabili astratte: dipendono da quali condizioni si mettono in campo per costruire quella crescita. Se il governo nazionale pensa di poter costruire posti di lavoro solo attraverso il jobs act, l'Italia va a sbattere, c’è poco da fare.

Non ci si occupa del Paese, non si parla della competitività, non si sceglie su cosa investire. Se non si decide quali sono i settori strategici sui quali ci dobbiamo concentrare, le Regioni continueranno a spendere risorse europeo immaginando una programmazione propria che spesso rischia di restare una cattedrale nel deserto, senza trasformarsi in una filiera interregionale. E le aziende cadranno come birilli”.

L’incidenza della criminalità? "Arriva dopo. E’ un alibi per non risolvere i problemi. A monte dei problemi troviamo una classe politico-istituzionale che tiene per mano un pezzo forte dell’impresa che non è sana, e anche una parte del sindacato; hanno creato un sistema per il quale tutto ciò che viene messo in piedi in termini di sviluppo risponde solo 04alle logiche di questa lobby. Che ha agganci tra gli amministratori locali, in Regione, al Ministero, tra i sindacati. Ma non sono camorra, sono predatori".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
La navetta Soyuz
MISSIONE VITA

Rientrata la Soyuz con a bordo Paolo Nespoli

La navetta è atterrata nella steppa del Kazakistan dopo 139 giorni nello spazio
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
Jorge Glas
CASO ODEBRECHT

Condannato il vicepresidente dell'Ecuador

Sei anni a Jorge Glas, già sospeso dalle funzioni: avrebbe intascato 14 milioni di dollari in tangenti
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma