Calabria, Conte chiama Gino Strada: ipotesi commissario alla Sanità

Il fondatore di Emergency potrebbe affiancare il nominato Giuseppe Zuccatelli. Il suo nome fatto anche da Sileri: "Un collega eccezionale"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:13

Telefonata nel fine settimana fra il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e il fondatore di Emergency, Gino Strada. Un nome, quello del medico e attivista, circolato negli ultimi giorni come possibile nuovo commissario alla Sanità regionale della Calabria. Ad avanzare la proposta sarebbero stati esponenti del Movimento 5 stelle e delle Sardine, soprattutto in seguito alle questioni sorte attorno alla nomina di Giuseppe Zuccatelli (in relazione a un vecchio filmato nel quale esprimeva dubbi circa l’utilità delle mascherine). Al quale, secondo alcune fonti, Gino Strada potrebbe affiancarsi nella guida della sanità regionale in questo periodo di emergenza. Zuccatelli che, peraltro, ha da pochissimi giorni preso il posto del dimissionario Saverio Cotticelli, giunte dopo la vicenda del piano anti-Covid.

Gino Strada, l’ipotesi di Sileri

Secondo quanto si apprende, rispetto alla posizione di commissario, dovrebbe avere un ruolo più operativo. Anche se il tutto resta nell’ambito delle ipotesi, il nome di Strada si era fatto largo anche a seguito di un riferimento del viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, che ne aveva parlato in termini di plausibilità. “Gino Strada – ha detto – è certamente un’ipotesi per il commissariamento della Sanità in Calabria. È un collega eccezionale e tutto ciò che ha fatto è irripetibile, un esempio dell’Italia nel mondo. Ma adesso credo che le polemiche non servano, lasciamo lavorare Zuccatelli”. Figura di primo piano nell’ambito dell’attivismo e della medicina in contesti di guerra (fra i quali Afghanistan, Bosnia e Somalia), Strada ha fondato Emergency nel 1994, a Milano, assieme a sua moglie Teresa Sarti.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.