MERCOLEDÌ 29 MARZO 2017, 10:30, IN TERRIS

Brexit, consegnata lettera per divorzio da UE. Tusk: "Giorno triste. Ci mancate già"

FRANCESCO VOLPI
Brexit, consegnata lettera per divorzio da UE. Tusk:
Brexit, consegnata lettera per divorzio da UE. Tusk: "Giorno triste. Ci mancate già"
E' iniziato il processo di divorzio del Regno Unito dall'Unione Europea. Intorno alle 13:30, l'ambasciatore britannico all'Ue, Tim Barrow, ha consegnato nelle mani del presidente del Consiglio Europeo, Donald Tusk, la lettera di notifica dell'articolo 50 del Trattato di Lisbona, missiva firmata questa mattina dal Primo Ministro britannico, Theresa May. Un atto storico che segna l'inizio formale dell'allontanamento di Londra da Bruxelles dopo 44 anni. La Gran Bretagna si avvia a lasciare l'Unione "secondo la volontà del popolo", ha detto alla Camera dei Comuni la premier Theresa May, confermando la consegna della lettera di notifica dell'Articolo 50 a Donald Tusk "pochi minuti fa". "E' un momento storico, non si torna indietro".

Tusk: "E' un giorno triste. Ci mancate già"


"Non c'è ragione di pensare che oggi sia un giorno felice". Sono le parole del presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, nella dichiarazione letta alla stampa dopo aver ricevuto la lettera che annuncia l'attivazione dell'articolo 50 del Trattato di Lisbona. "La prima priorità sarà quella di minimizzare le incertezze provocate dalla decisione del Regno - ha aggiunto Tusk - Nei negoziati per la Brexit avremo un approccio costruttivo e faremo di tutto per trovare un accordo. In futuro speriamo di avere il Regno Unito come partner vicino. Ma se il negoziato fallisce, faremo in modo che l'Unione Europea sia comunque pronta ad un esito del genere, anche se non lo desideriamo". La nota si conclude con la frase: "Ci mancate già".


Momento storico


"E' uno dei momenti più importanti nella recente storia del Regno Unito" ha commentato May. "Dobbiamo cogliere questa storica opportunità per emergere nel mondo e plasmare un sempre maggiore ruolo per una Gran Bretagna globale", ha aggiunto la premier sposando la retorica dei "Brexiteers". Ma la Scozia non ci sta e la lettera rischia di diventare "storica" anche per l'avvio della dissoluzione del Regno, formalmente Unito dal 1707. Mentre si moltiplicano le preoccupazioni a Londra e tra i 27, il parlamento scozzese ha risposto alle parole della May approvando per 69-59 la proposta della first minister Nicola Sturgeon, di avere un secondo referendum per l'indipendenza della Scozia dopo quello perso nel 2014. A giugno la Scozia aveva detto largamente "no" alla Brexit. La leader del partito indipendentista Snp ha annunciato battaglia per restare (o rientrare da Paese indipendente) nella Ue: un rifiuto di Londra al voto-bis sarebbe "insostenibile", ha affermato martellando che "il voto di oggi (ieri ndr) deve essere rispettato" ed anticipando che a giorni partirà la richiesta formale.

Preoccupazione


Da Bruxelles la Commissione intanto è tornata a ribadire che la Ue ed il suo capo negoziatore Michel Barnier sono "pronti" al negoziato e che "dopo Roma non c'è ragione per essere preoccupati sul futuro della Ue". Ma la trattativa si presenta comunque difficilissima. Perché mentre May insiste che l'obiettivo è quello di costruire una "relazione profonda e speciale", crescono i segnali che potrebbe precipitare in una "hard Brexit", l'uscita senza accordo. Il sindaco della Londra che aveva votato per il sì, il popolarissimo Sadiq Khan europeista successore di Boris Johnson, da Bruxelles ha lanciato il messaggio d'amore per la Ue ("Londra è e resterà aperta all'Europa e alla Ue") ma ha anche messo in guardia contro la tentazione di "punire" il Regno Unito nella logica del "colpire uno per educarne cento" che traspare ad esempio dalle parole del capogruppo del Ppe, il tedesco Manfred Weber. "Per la Gran Bretagna sarà molto costoso lasciare la Ue", ha detto l'esponente della Csu, il partito cristiano-democratico bavarese "gemello" della Cdu di Angela Merkel. Khan ha anche avvertito che gli europei non si devono fare illusioni. Se scatterà il fuggi-fuggi dei banchieri dalla City per la Brexit disordinata, a beneficiarne - ha sostenuto - non saranno "Parigi, Francoforte, Madrid o Dublino" ma "New York, Singapore e Hong Kong". Una situazione "perdente per tutti" ha sottolineato lanciando però anche l'appello perché Downing Street mandi "un giusto segnale di buona volontà" garantendo sin nella lettera di oggi i diritti degli europei nel Regno.

Il conto


Lo spettro, come rilevato dal ministro delle finanze tedesco Wolfgang Schaeuble, è quello di uno stallo nella trattativa che metterebbe "a rischio la stabilità dei mercati finanziari". Il nodo principale è quello dell'accesso al mercato unico. Sul quale gli europei sono stati finora compatti: impossibile concederlo se Londra non accetta le "4 libertà indivisibili', che comprendono quella di circolazione dei lavoratori, rigettata dal referendum. Ma poi c'è la questione del "conto" che Londra dovrebbe pagare per saldare tutti gli impegni presi nel bilancio pluriennale della Ue fino al 2020, per programmi che si concluderanno nel 2023. Una stima ufficiosa è di 58-60 miliardi che Londra non si sogna neppure di accettare. In più ci sono i maggiori costi per i contributi nazionali che i 27 dovranno accollarsi: nel solo 2019, secondo stime spagnole pubblicate dalla Stampa, +4,24 mld per la Germania, +1,78 mld per la Francia e più 1,3 mld per l'Italia.

In corsa


Intanto già accelera la corsa dei candidati per aggiudicarsi il trasferimento delle due agenzie europee basate a Londra. Per l'Eba, regolatore delle banche, ci sono appetiti ad Amsterdam, Dublino, Francoforte, Parigi e Vienna. Per l'Ema, che sorveglia i farmaci con un budget da 300 mln l'anno, da Milano Roberto Maroni ha proposto la sede del Pirellone. E proprio domani Alfano e Padoan saranno appunto a Londra per attrarre in Italia investimenti e capitali stranieri, ma anche per lavorare sulla candidatura italiana che dovrà affrontare quelle già ufficiali ufficiali di Irlanda, Svezia, Austria, Ungheria e Malta e quelle ancora informali di Spagna, Danimarca, Germania e Finlandia.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Alessandro Di Battista
LA DECISIONE

Di Battista lascia: "Ma resto nel M5s"

Uno dei maggiori leader pentastellati esce dai palazzi: "Voglio scrivere e girare il mondo". E i militanti già...
Alessio Cerci in azione
SERIE A

Okwonkwo-Donsah rimontano il Verona: il Bologna respira

Il monday-night va ai felsinei: scaligeri avanti due volte ma rimontati e superati. E' il quinto k.o. di fila
Sede dell'Ema
UNIONE EUROPEA

Milano beffata: l'Ema va ad Amsterdam

Pari al ballottaggio. La capitale olandese prevale nel sorteggio. L'Eba a Parigi
Cateno De Luca
SICILIA

Domiciliari revocati a Cateno De Luca

Per il deputato regionale resta il divieto a ricoprire ruoli apicali negli enti coinvolti nell'inchiesta
L'Ara San Juan (repertorio)
SOMMERGIBILE DISPERSO

Possibili segnali dall'Ara San Juan

La Marina argentina avrebbe percepito un rumore proveniente dallo scafo del sottomarino
Angela Merkel
GERMANIA|CRISI POLITICA

L'ultra-destra: "Merkel se ne vada"

Saltata la trattativa con i liberali. Fallisce il sogno del governo "Giamaica"