Brasile, un’altra tragedia: cade l’aereo del Palmas

Almeno sei vittime, fra i quali quattro giocatori e il presidente. Il cordoglio della Chapecoense: "Conosciamo questo dolore"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:22
Palmas

Quattro anni e mezzo dopo il disastro aereo che costò la vita quasi all’intera formazione della Chapecoense, il calcio brasiliano si trova occhi negli occhi con una nuova tragedia. Il volo dell’aereo che trasportava la formazione del Palmas Futebol e Regatas, squadra dilettantistica del Brasileirao, è precipitato poco dopo il decollo, uccidendo sul colpo quattro calciatori e il presidente. I giocatori stavano raggiungendo Goiania, dove era in programma il match di Copa Verde contro il Vila Nova.

Le vittime della tragedia

Tutte giovanissime le vittime, a cominciare dal patron Lucas Meira, di soli 32 anni. Con lui, hanno perso la vita anche i calciatori Lucas Praxedes (23 anni), Guilherme Noé (28), Ranule (27) e Marcus Molinari (23). Anche il pilota del velivolo sarebbe rimasto ucciso nell’impatto al suolo. Lo schianto è avvenuto in una boscaglia nei pressi dell’aeroporto di Luzimangues, a Porto Nacional, da dove l’aereo era partito. Alla base della tragedia ci sarebbe un guasto tecnico al mezzo.

Il cordoglio della Chapecoense

Immediati i messaggi di cordoglio arrivati dal mondo del calcio per la tragedia che ha colpito la giovanissima società (fondata nel 1997) e iscritta nel campionato di Serie D. Fra questi, quello della Chapecoense che, il 28 novembre 2016, rimase vittima di un incidente aereo durante il viaggio verso Medellin, in Colombia. In quella tragedia morirono 71 persone, a fronte di soli 6 sopravvissuti. Fra questi, il difensore Alan Ruschel, tutt’oggi colonna dei Furacão do Oeste.

“È con profonda tristezza – scrive la società di Chapecò – che abbiamo ricevuto la notizia dello schianto dell’aereo con a bordo i giocatori e il presidente del Palmas. Purtroppo sappiamo com’è questo momento di dolore insuperabile per perdite irreparabili e vorremmo che nessun altro lo provasse, Esprimiamo il nostro sentimento di forza e la nostra totale solidarietà a familiari, amici, compagni di squadra e tifosi. Non sarete soli”.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.