Bollettino Covid: 838 nuovi casi, tasso di positività sempre a 0,4%

I decessi sono 40, ma 20 fanno parte di un ricalcolo della Regione Campania e non risalirebbero alle ultime 48 ore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:27

Sale il numero di nuovi casi di positività riscontrati in 24, così come il numero dei tamponi effettuati. Resta stabile il rapporto tamponi-positivi. A metà del pomeriggio di sabato 26 giugno somministrati oltre 49 milioni di dosi di vaccino.

I dati del bollettino

Sono 838 i nuovi casi di Covid-19 registrati nelle ultime 24 ore in Italia, in aumento rispetto a ieri quando erano stati 753. I decessi aumentano da 38 a 40. Venti però rientrano in un ricalcolo effettuato dalla Regione Campania, che in una nota scrive: “In seguito a verifiche periodiche, si sono riscontrati 20 deceduti ascrivibili ad un periodo compreso tra aprile e giugno 2021, nessuno dei quali è deceduto nelle ultime 48 ore“.

Ii tamponi effettuati sono 224.493, e il tasso di positività si conferma allo 0,4%. Gli attuali positivi è di 57.732, in calo di 2.503 unità rispetto a ieri. I dimessi e/o guariti sono 3.301, per un totale di 4.072.099 dall’inizio dell’epidemia. Sono 298 le persone ricoverate in terapia intensiva, 8 in meno rispetto a ieri. Le persone ricoverate con sintomi sono 1.771. A livello territoriale, le Regioni con il maggior numero di contagi sono la Campania (127), la Lombardia (115) e la Sicilia.

Campagna vaccinale

Sono 49.163.396 i vaccini anti-Covid somministrati nel nostro Paese, l’89,5% delle dosi finora consegnate, pari a 54.660.610. Sono a 17.420.401 – il 32,26% della popolazione over 12 –  le persone che hanno completato il ciclo vaccinale.

Nel dettaglio si tratta di 37.404.247 di dosi di Pfizer/BioNTech, 10.355.619 di AstraZeneca, 5.015.138 di Moderna e 1.885.606 di Johnson & Johnson.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.