Bollettino Covid: 2.153 nuovi casi, 23 decessi

Il rapporto tamponi-positivi si porta all'1%. Più del 45% della popolazione over12 ha completato il ciclo vaccinale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:58

Ancora in aumento il numero dei nuovi casi di positività al Covid riscontrati in 24 ore, così come il numero dei decessi e quello dei tamponi effettuati rispetto a ieri. Il ministro della Salute Roberto Speranza ha dichiarato che nella giornata di oggi supereremo la soglia delle 59 milioni di somministrazioni di vaccini contro il Covid.

I numeri del bollettino

Dal bollettino quotidiano del Ministero della Salute emerge che i nuovi casi registrati in Italia sono 2.153, in aumento rispetto ai 1.534 di ieri. I decessi salgono da 20 a 23,9  relativi al periodo marzo-luglio. I test oggi sono 210.599 e il tasso di positività sale dallo 0,8% all’1%.

Le persone attualmente positive in Italia sono 41.700, (+1.051), mentre i dimessi e/o guariti sono 1.079. In calo sia il numero di persone ricoverate in terapia intensiva scendono a 151 che quello dei ricoverati con sintomi, che sono 1.108.

Campagna vaccinale

“I dati della campagna di vaccinazione sono positivi e incoraggianti. Oggi raggiungeremo quota 59 milioni di dosi somministrate e procediamo con una media quotidiana di oltre 530mila”, ha detto nel corso del question time alla Camera dei Deputati il titolare del dicastero della Salute Roberto Speranza.

Intanto, alle 6:12 di oggi sono 58.789.899 i vaccini contro il Covid somministrati nel nostro Paese. Si tratta del 92,4% delle dosi finora consegnate, 63.659.024.

Nel dettaglio, sono 43.119.027 di dosi di vaccino Pfizer-BioNTech, 11.797.302 di AstraZeneca, 6.478.079 di Moderna e 2.264.616 di Johnson & Johnson.

Sono 24.801.699 le persone che hanno completato ciclo vaccinale, il il 45,925% della popolazione dai 12 anni in su.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.