Bollettino Covid: 1.896 nuovi casi e 102 decessi

I dimessi dall'ospedale e/o guariti dal Coronavirus sono 3.27.176, scendono ancora (-71) i ricoveri in terapia intensiva

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:02

Netto calo del tasso di positività che dall’1,5% di ieri scende a 0,85%. Diminuisce anche il numero di detenuti nella carceri italiane positivi al Covid, comunica il Ministero della Giustizia.

I dati del Ministero della Salute

Sono 1.896 i nuovi casi di Covid-19 registrati nelle ultime 24 ore in Italia, in aumento rispetto a ieri quando erano stati 1.273, per un totale di 4.235.592 dall’inizio dell’epidemia. Sono 102 i decessi, in aumento rispetto ai 65 di ieri. E’ quanto emerge dal bollettino quotidiano del Ministero della Salute sulla diffusione del coronavirus nel nostro Paese.

I tamponi effettuati sono 220.917, con un rapporto tamponi-positivi dello 0,85%. Il numero degli attualmente positivi è di 181.726, in calo di 6.727 unità rispetto a ieri. Il totale dei dimessi e/o guariti dall’inizio dell’epidemia è pari a 3.927.176. Sono 688 le persone ricoverate in terapia intensiva, 71 in meno rispetto a ieri. Le persone ricoverate con sintomi sono 4.685. A livello territoriale, le Regioni con il maggior numero di contagi sono la Lombardia (145), il Lazio (108) e la Toscana (84).

La situazione nelle carceri

I detenuti positivi al Covid sono 180, su un totale di 52.517 presenze negli istituti penitenziari italiani. Un numero in calo rispetto alle scorse settimane. Lo stesso per i casi tra gli agenti di polizia penitenziaria, che sono 161 su 36.939 unità. Lo riporta il bollettino settimanale, aggiornato a ieri, del Ministero della Giustizia.

Tra i detenuti, 168 sono asintomatici, tre presentano sintomi e sono trattati all’interno degli istituti, mentre nove sono ricoverati in ospedale. Tra i poliziotti, 158 sono in isolamento domiciliare, due ricoverati in caserma e uno in ospedale. Infine il personale dell’amministrazione penitenziaria su un totale di 4.021 persone conta 32 casi, 31 in isolamento domiciliare e uno ricoverato.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.