Bollettino Covid: 794 nuovi casi, 28 decessi

In Umbria nessun decesso dal 24 giugno, ottavo giorno consecutivo senza vittime da Covid in Abruzzo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:44

Scendono nelle ultime 24 ore i nuovi di casi di positività al Covid riscontrati con quasi 200mila tamponi. Oltre che nelle due Province autonome di Trento e Bolzano, non si registrano decessi nelle ultime 24 ore in 13 Regioni, tra cui la Lombardia dove non accadeva dallo scorso ottobre 2020.

I dati del bollettino

Sono 794 i nuovi positivi al Covid rispetto a ieri, quando erano stati 882. Aumentano i decessi, salendo da 21 a 28. I test effettuati sono 199.238, rispetto ai 188.474 di ieri, con tasso di positività allo 0,4%.

Gli attuali positivi sono 47.779 (-1.579, mentre i dimessi e/o guariti sono 2.345 – in totale 4.086.188 dall’inizio dell’epidemia. Le persone ricoverate con sintomi sono 1.469, quelle in terapia intensiva sono 213 (-16).

E’ quanto emerge dal bollettino quotidiano del Ministero della Salute sulla diffusione del coronavirus nel nostro Paese.

Zero decessi

Casella dei “decessi” vuota dal 24 giugno in Umbria, da otto giorni in Abruzzo e da cinque in Trentino. La notizie che per la prima volta da mesi è rimasta vuota anche in Lombardia nelle ultime 24 ore è stata così salutata dall’assessore al Welfare e vicepresidente della Regione Letizia Moratti: “Oggi zero decessi per Covid in Lombardia, non succedeva dal 6 ottobre. Allora l’autunno e le varianti ci fecero ripiombare nell’incubo. Adesso possiamo guardare al futuro con più speranza, resta l’importanza di conservare comportamenti prudenti e aderire alla campagna vaccinale“.

Nessun decesso neppure nell’altra Provincia autonoma, quella di Bolzano. E zero decessi anche in Valle D’Aosta, in Basilicata, in Sardegna, in Friuli-Venezia Giulia, in Piemonte, in Puglia, in Calabria, nelle Marche, in Liguria e in Veneto.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.