Biden: “La Nato è più unita che mai”

Il presidente Usa ha annunciato sanzioni contro altri 400 membri dell'elite russa, tra i quali oltre 300 parlamentari della Duma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:41
Bruxelles (Belgio) 24/03/2022 - vertice Nato / foto Imago/Image nella foto: Emmanuel Macron-Joe Biden

“Putin non pensava che avremmo avuto tale coesione tra alleati, la Nato è più unita che mai”, ha detto il presidente degli Stati Uniti Joe Biden parlando a margine del vertice straordinario della Nato a Bruxelles. La Russia dovrebbe essere rimossa dal G20, ha aggiunto il presidente, che inoltre ha detto di aver chiesto che invece l’Ucraina possa parteciparvi.

Armi chimiche

“Risponderemo all’uso di armi chimiche da parte di Mosca”, ha detto Biden, “noi risponderemo se Putin le utilizzerà, la natura della risposta dipenderà dalla natura dell’uso”. L’eventuale uso di armi chimiche da parte della Russia in Ucraina scatenerebbe un’ondata di “orrore viscerale” fra i leader del mondo e avrebbe “conseguenze catastrofiche” per lo stesso Vladimir Putin, ha detto il premier britannico Boris Johnson dopo il vertice Nato-G7.

Territorio

“Se cedere parte del loro territorio” alla Russia “è una decisione che dipende totalmente dagli ucraini”, ha detto il presidente americano in una conferenza stampa a Bruxelles.

Sanzioni all’elite

“Le sanzioni non sono mai un deterrente ma mantenere le sanzioni aumenta la sofferenza della Russia. E’ questo che lo fermerà”, ha detto presidente Usa, che ha poi annunciato sanzioni contro altri 400 membri dell’elite russa, tra i quali oltre 300 parlamentari della Duma.

Aiuti umanitari

“Un altro miliardo di aiuti umanitari all’Ucraina”, ha annunciato Biden, aggiungendo poi che i rifugiati sono una responsabilità internazionale e gli Stati Uniti hanno un obbligo in questo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.