Bambino morto a Napoli, un fermo

Messaggi d'affetto e vicinanza alla famiglia e fiori in una traversa di via Foria, il luogo dove ieri è avvenuta la tragedia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:55
mafia

Un uomo è stato fermato nel corso delle indagini sulla morte del piccolo Samuele, un bambino di tre anni che in un primo momento si pensava fosse caduto dal balcone, ieri, perdendo la vita, in una traversa di via Foria, a Napoli. Fiori e messaggi, testimonianze di affetto e solidarietà alla famiglia da parte degli abitanti del quartiere.

La ricostruzione

E’ in esecuzione, in attesa del giudizio di convalida del giudice, il provvedimento di fermo della Procura di Napoli nei confronti di Mariano Cannio, 38 anni, il quale sarebbe ritenuto ritenuto gravemente indiziato dell’omicidio del bambino. L’uomo è un collaboratore domestico, conosciuto nella zona, dove abita, descritto come una persona dal carattere molto chiuso. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, la mamma del piccolo Samuele si era allontanata dalla stanza dove erano il figlio e l’uomo fermato.

Messaggi d’affetto

“Adesso giochi con gli angeli“, recita un bigliettino lasciato in sul luogo della tragedia, tra le testimonianze d’affetto e vicinanza ai genitori, fiori e messaggi per salutare il piccolo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.