Autonomia, Mattarella: “E’ alla base della democrazia ma non vincerà un territorio sull’altro”

Il Capo dello Stato rinnova l'appello all'unità: "Non prevarrà una istituzione a scapito di un'altra, ma solo la Repubblica"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:14

“Siamo chiamati a una prova impegnativa: l’Italia ha le carte in regola per superare la sfida. Non vincerà da solo un territorio contro un altro, non prevarrà una istituzione a scapito di un’altra, ma solo la Repubblica, nella sua unità”. Lancia un nuovo appello all’unità il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, dopo aver ribadito il concetto, fondamentale soprattutto in questa fase, durante le celebrazioni per la Festa della Repubblica. Secondo il Capo dello Stato, “decisiva sarà la capacità di tenere insieme pluralità e vincolo unitari”. E ricorda: “Cinquant’anni or sono i cittadini delle Regioni a statuto ordinario vennero chiamati per la prima volta alle urne per eleggere i loro rappresentanti nei Consigli regionali. Si completava così il disegno dei Costituenti e la democrazia nel nostro Paese compiva un ulteriore, significativo passo in avanti, ampliando le sue basi e rafforzando il carattere pluralista delle sue istituzioni”.

L’invito di Mattarella

Una citazione non casuale quella del Presidente della Repubblica, che invita ancora una volta al rispetto reciproco, anche in un quadro in cui “il principio di autonomia, delle Regioni e degli enti locali, è alle fondamenta della costruzione democratica, perché appartiene al campo indivisibile delle libertà e costituisce un regolatore dell’equilibrio costituzionale”. Secondo Mattarella “la libertà dei territori e l’autonomia delle comunità sono un contributo all’unità nazionale, nel quadro di una leale collaborazione tra i diversi livelli istituzionali”. E, in questo senso, “la stessa lotta alla pandemia ci ha posto di fronte a nuovi interrogativi su come rendere migliore il servizio ai cittadini ed evitare che conflitti e sovrapposizioni tra istituzioni possano creare inefficienze paralizzanti o aprire pericolose fratture nella società”.

L’esperienza delle Regioni

Il principio di autonomia si inserisce in un contesto in cui “la Repubblica – ha aggiunto il Capo dello Stato – nasce nel rifiuto del carattere autoritario e centralista dello Stato, inasprito dal regime fascista, contro la tradizione dei liberi Comuni e delle identità dei territori, ricchezza della civiltà dell’Italia”. L’esperienza delle Regioni “ha attraversato diverse stagioni, è stata oggetto di confronti molto intensi, e di riforme che hanno modificato non solo il profilo legislativo e amministrativo degli enti, ma anche il funzionamento complessivo dei poteri democratici della Repubblica. Dopo mezzo secolo di esperienza la riflessione è ancora aperta, e la stessa lotta alla pandemia ci ha posto di fronte a nuovi interrogativi su come rendere migliore il servizio ai cittadini ed evitare che conflitti e sovrapposizioni tra istituzioni possano creare inefficienze paralizzanti o aprire pericolose fratture nella società”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.