Sindacalista ucciso a Biandrate: camionista si costituisce

L'autista del mezzo non si sarebbe fermato fino al casello autostradale Novara Ovest sull'A4. Le accuse sarebbero omicidio stradale, resistenza e omissione di soccorso

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:31
pensione

E’ stato arrestato, dopo essersi costituto, l’autista del camion che stamattina a Biandrate, nel Novarese, ha investito e ucciso il sindacalista Si Cobas Adil Belakdim durante una manifestazione dei lavoratori della logistica. Lo riporta LaPresse. Le accuse sarebbero omicidio stradale, resistenza e omissione di soccorso.

Al casello autostradale

Non si sarebbe fermato quando i manifestanti, davanti al veicolo, lo sollecitavano a farlo, né quando il personale della Digos della Polizia di Novara gli ha intimato l’alt, né dopo l’incidente. Si sarebbe fermato una volta raggiunto il casello autostradale Novara Ovest sull’A4 e lì avrebbe chiamato il 112. Lo scrive sempre LaPresse.

La ricostruzione

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, riferisce ancora l’agenzia, mentre un gruppo di 15 sindacalisti Sì Cobas era davanti all’ingresso del centro distribuzione Lidl di Biandrate, intorno alle 7:30 un autista a bordo del suo veicolo avrebbe imboccato contromano la via d’entrata e, ignorando ogni avvertimento, avrebbe superato i cancelli e nel corso di una manovra avrebbe travolto Belakdim, finito a terra per causa da accertare. L’autista non si sarebbe fermato fino al casello autostradale da dove ha chiamato le autorità.

Le parole di Landini

“La morte di un sindacalista, investito durante un presidio sindacale, è un fatto gravissimo, inaccettabile, sul quale è necessario fare presto piena luce. E bene hanno fatto le organizzazioni sindacali confederali e di categoria territoriali a rispondere e reagire subito, proclamando immediatamente lo sciopero per oggi, domani e dopodomani di tutti i dipendenti del sito”, ha commentato il segretario generale della Cgil Maurizio Landini.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.