Ashli Babbit: chi è la donna uccisa dalla polizia nell’assalto a Capitol Hill

Ashli Babbit è la donna uccisa dopo essere stata colpita da un colpo d’arma da fuoco durante l’assalto dei sostenitori di Trump a Capitol Hill

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:29

Ashli Babbit è la donna uccisa dopo essere stata colpita da un colpo d’arma da fuoco durante l’assalto dei sostenitori di Trump a Capitol Hill. Babbit non è l’unica vittima registrata durante le proteste: in tutto sono 4 le persone decedute e 13 i feriti. Ashli era una sostenitrice di Trump e viveva a San Diego con i marito.

Aveva prestato servizio per 14 anni presso l’areonautica militare ed era titolare di un’attività nella città californiana. La veterana, come ha raccontato il marito a Fox News, era una convinta sostenitrice di Trump. La suocera ha spiegato che la veterana dell’aeronautica era andata a Washington senza il marito. “Non so perché abbia deciso di farlo”.

Le indagini sulla morte di Babbit sono ancora in corso. Sono stati infatti colpi di arma da fuoco sparati dalla polizia a uccidere Babbit durante le proteste in Campidoglio. Nello specifico, la donna è stata colpita da un agente in uniforme della polizia del Campidoglio con la sua arma di servizio mentre cercava di “accedere alla stanza della Camera” dove i legislatori erano ancora in sessione. Il capo della polizia di Washington ha aggiunto che è stata aperta un’inchiesta.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.