Arkansas, turista italiano ucciso a Little Rock. La famiglia: “Vogliamo sapere cosa è accaduto”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:44

Si chiama Carlo Marigliano il turista italiano, di origini napoletane, che è stato ucciso a Little Rock in Arkansas. Marigliano, 31 anni, di professione tassista, sposato, con due figli di otto e due anni, è stato ucciso lo scorso fine settimana, mentre si trovava alla guida della sua auto.

L’omicidio di Marigliano

Al momento le autorità americane non hanno ancora chiarito quale sia l’esatta dinamica dei fatti. Secondo quanto riportato dalla stampa locale, Marigliano si trovava negli Stati Uniti per vacanza e stava viaggiando con alcuni amici. A un certo punto ha deciso di separarsi dal gruppo per visitare altre zone. Una volta giunto a Little Rock è stato raggiunto da alcuni colpi di arma da fuoco, è finito fuori strada perdendo la vita sul colpo. Marigliano si trovava a Little Rock solo di passaggio, infatti fra qualche settimana avrebbe dovuto ricongiungersi con la moglie e i figli a Miami.

Un periodo di forte violenza a Little Rock

La polizia statunitense, come riportato dall’Ansa, ha riferito che Little Rock sta attraversando un periodo di forte violenza. Solo la scorsa settimana sono state uccise cinque persone. Ora, con l’omicidio del turista italiano, il bilancio delle persone uccise dall’inizio dell’anno si è aggravato, salendo a 37 vittime.

La famiglia: “Vogliamo risposte”

“Il popolo italiano, il governo italiano, la mia famiglia, tutti vogliamo risposte e ci aspettiamo che le autorità locali facciano tutto il possibile perché ciò accada”, ha dichiarato uno dei parenti, Fabio Vizzaccaro, all’emittente locale Thv11. Inoltre, come riportato dall’Unione Sarda, Tvh11 ha citato la polizia, secondo cui non si sarebbe trattato di un’uccisione casuale e si dice fiduciosa che i responsabili saranno individuati.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.