L’appello di Figliuolo: “A Natale continuiamo a essere responsabili”

Il commissario straordinario per l'emergenza Covid in visita all'ospedale pediatrico di Firenze Meyer, dove ieri sono partite le vaccinazioni della fascia 5-11 anni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:58

“Buon Natale, buone festività, che ci portino a un sereno anno nuovo: il Natale è un momento di compere e assembramenti, ma dobbiamo continuare a essere responsabili”, è l’esortazione del commissario straordinario per l’emergenza Covid Francesco Paolo Figliuolo, nel corso della sua visita all’ospedale pediatrico Meyer di Firenze,dove ieri sono partite le vaccinazioni della fascia 5-11 anni. Insieme a lui, il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, al direttore dell’azienda ospedaliera Meyer Alberto Zanobini, e all’assessora al welfare del Comune di Firenze Sara Funaro.

Lezione al mondo

“Gli italiani stanno facendo lezione al mondo: i successi che vediamo, di cui anche la stampa internazionale ci dà atto, sono merito della grande squadra Italia”, ha aggiunto il commissario in riferimento alla definizione di “Paese dell’anno” che la rivista The Economist ha dato all’Italia.

Figliuolo: “Toscana campagna straordinaria”

“La Toscana sta facendo una campagna straordinaria” per i vaccini anti-Covid, dove si è “partiti lenti” ma “poi come un diesel si arriva al traguardo in maniera decisa e inesorabile”, ha proseguito Figliuolo. In Toscana, ha ricordato il commissario, c’è “quasi il 90% di vaccinati con ciclo completo, e oltre il 97% degli over80 in sicurezza”. Il generale ha spiegato che “le Regioni hanno reagito in maniera flessibile attenendosi subito alle indicazioni della struttura commissariale, riaprendo gli hub che erano stati messi in standby oppure chiusi: qui a Firenze c’è stata grande lungimiranza del presidente Giani che ha tenuto duro fino all’ultimo, ed è ripartito con l’hub del Mandela Forum”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.