LUNEDÌ 06 APRILE 2015, 000:01, IN TERRIS

6 APRILE 2009, IL TERREMOTO DISTRUGGE L'AQUILA

Oggi, a 6 anni di distanza, seimila bambini sono ancora nei Musp, i Moduli ad uso scolastico provvisorio

ANGELO PERFETTI
6 APRILE 2009, IL TERREMOTO DISTRUGGE L'AQUILA
6 APRILE 2009, IL TERREMOTO DISTRUGGE L'AQUILA
Risate e lacrime, avvoltoi e agnelli sacrificali. Quando quella notte tra il 5 e il 6 aprile del 2009 del 2009 la terra ha tremato, c'è chi si disperava e chi pensava a quali affari sarebbero nati dalla distruzione di un'intera città. L'audio della telefonata intercettata tra Francesco Piscicelli e suo cognato Pierfrancesco Gagliardi avvenuta proprio il 6 aprile 2009, poche ore dopo che il terremoto aveva distrutto l'Aquila, fu emblematica: le risate tra i due imprenditori che fiutavano l'affare rientrano nelle intercettazioni che hanno portato all'inchiesta sul G8 relativa ad appalti e corruzione. Oggi, a 6 anni di distanza, seimila bambini sono ancora nei Musp, i Moduli ad uso scolastico provvisorio, costruiti per il rientro a scuola nel settembre 2009 ma che ovviamente ora mostrano i segni del tempo, con disservizi e disagi. Per ora nessun istituto è stato ricostruito, eppure i soldi per farlo sono nelle casse comunali, 44 milioni. "Sono arrivati solo a metà 2013 e fino ad allora, per legge, non potevamo fare nessun progetto – ha detto il sindaco dell'Aquila Massimo Cialente -. A breve dovrebbero cominciare i lavori in due scuole ma la burocrazia per la ricostruzione pubblica ci fa perdere mesi. Il neo ministro delle Infrastrutture ha assicurato che la città abruzzese “ce la farà, assolutamente, anzi la ricostruzione sta andando molto bene”, ha assicurato. “L’Aquila ha molte risorse a disposizione che abbiamo stanziato come Governo“.

"Ho giurato per la fine del 2017 il centro storico della città sarà restituito agli aquilani - ha chiarito il sindaco Massimo Cialente -. Adesso il governo ha dato i soldi, solo per quest'anno abbiamo un miliardo e duecento milioni, ma il problema è che non riesco ad avere i progetti perché il ministro Barca non mi diede retta quando gli dissi che 60 persone a processare i progetti nell'Ufficio speciale ricostruzioni dell'Aquila sarebbero state insufficienti. A fronte di 7500 progetti presentati riusciamo a valutarne 30 al mese, anche meno - ha aggiunto Cialente - ci vorrebbero quindi vent'anni per valutarli tutti. Io non sto chiedendo la luna  ma una task force di ingegneri, geometri e architetti per far fronte a questi due anni di super lavoro. Altrimenti i soldi fanno la muffa".

Un lungo serpentone umano si è snodato nella notte da via XX Aprile a piazza del Duomo a L'Aquila, per ricordare il dolore e la tragedia. La fiaccolata, organizzata dal Comitato dei parenti delle vittime, si è conclusa in piazza con la lettura dei nomi dei 309 morti e con il rintocco delle campane della Chiesa di Santa Maria del Suffragio. Il sindaco ha proclamato il lutto cittadino.

Nel sesto anniversario del terremoto del 6 aprile, sembra arrivata al capolinea anche la pazienza dei vigili del fuoco dell'Aquila che alzano la voce tramite i loro rappresentanti sindacali: “Adesso basta! Subito i lavori di ricostruzione della caserma o sarà' mobilitazione”. In una nota unitaria di Fp Cgil, Fns Cisl, Uil Pa, Conapo, Confsal e Usb, indirizzata sia al sottosegretario Bocci che ai vertici del dipartimento dei vigili del fuoco, i rappresentanti sindacali, ripercorrendo gli ultimi sei anni inutilmente trascorsi rispetto alla ricostruzione della sede del comando provinciale dell'Aquila gravemente danneggiata dal sisma e successivamente demolita dagli stessi vigili del fuoco, evidenziano tra l'altro come “il personale operativo si trova recluso in cio' che resta della vecchia sede, in ambienti confinati, in condizioni igieniche ai limiti dell'umana sopportazione, privato del tutto di aree e strutture adeguate all'addestramento professionale. Personale che vive quotidianamente a strettissimo contatto con il desolante cratere della vecchia sede, ridotto a fango ed acquitrino nel periodo invernale e a polvere e savana in quello estivo, anche con possibili ripercussioni sulla loro stessa salute”.

Molte saranno le celebrazioni per ricordare i morti di quella terribile notte. Alle 3.32 del mattino si scatena l'apocalisse con una scossa di 5,8 gradi della scala Richter che in pochi minuti distrugge gran parte del centro storico dell'Aquila e molti paesi vicini. Il bilancio e' pesantissimo: 309 le vittime, 1.600 i feriti, decine di migliaia gli sfollati. Tra i paesi distrutti c'è' anche Onna, che, rasa completamente al suolo, diverrà' il simbolo della tragedia.

La macchina dei soccorsi si attiva immediatamente e all'Aquila arrivano anche tantissimi volontari che si mobilitano da tutta Italia. I feriti vengono ricoverati negli ospedali di Avezzano, Pescara, Chieti, Ancona, Roma, Rieti, Foligno e Terni. Tra le vittime del sisma alcuni nomi noti: Lorenzo Sebastiani, giovane rugbysta dell'Aquila Rugby, Lorenzo Cini, pallavolista in serie B, Giuseppe Chiavaroli, calciatore di eccellenza, quasi l'intera famiglia del capo della redazione dell'Aquila del quotidiano 'il Centro', Giustino Parisse, che nel crollo della casa di famiglia, a Onna, perde i due figli, Domenico e Maria Paola, e il padre.

Ma quella del 6 aprile non e' l'unica scossa che colpisce L' Aquila e nei due mesi successivi la terra continua a tremare. In quell'arco di tempo si registrano oltre 35mila scosse, una media di una scossa ogni due minuti e mezzo. L' Aquila, già devastata, è costretta ad affrontare la paura costante di un nuovo sisma e ad allontanare il ricordo di quella tragica notte. Poi, dopo il terremoto fisico, quello giudiziario. I soldi spariti per la ricostruzione, gli appalti truccati, le connivenze con la politica, le inchieste giudiziarie. Oggi l'Aquila è ancora ferita, ma non ha più voglia di aspettare: vuole riprendere a volare.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
Il Papa con alcuni migranti
CONVEGNO

Chiese unite contro la xenofobia

Da domani vertice ecumenico in Vaticano