MERCOLEDÌ 12 OTTOBRE 2016, 17:48, IN TERRIS

Gaffe inglese: le tre categorie di italiani

FRANCESCO VOLPI
Gaffe inglese: le tre categorie di italiani
Gaffe inglese: le tre categorie di italiani
Sull'asse Roma-Londra ha rischiato di consumarsi un vero incidente diplomatico. Nei moduli d'iscrizione online di alcune circoscrizioni scolastiche è infatti comparsa, nella sezione dedicata agli alunni stranieri, un'inopinata distinzione: "italiano siciliano", "italiano napoletano", "altri italiani". La gaffe, denunciata da alcuni genitori indignati, è arrivata fino nella capitale britannica, dove l'ambasciatore Pasquale Terracciano ha commentato: "Siamo uniti dal 1861. Si tratta di iniziative locali, motivate probabilmente dall'intenzione di identificare inesistenti esigenze linguistiche particolari. Ma di buone intenzioni è lastricata la strada dell'inferno, specie quando diventano involontariamente discriminatore, specie dei confronti del meridionali".

Il Foreign Office britannico, in evidente imbarazzo, si è subito messo all'opera per rimuovere la differenziazione e si è poi scusato. Secondo quanto appreso dall'Adnkronos il ministero degli Esteri ha preannunciato una risposta alla nota di protesta dell'Ambasciata italiana, "deplorando l'accaduto" ed assicurando "un intervento perché vengano subito rimosse queste categorizzazioni non giustificate e non giustificabili".

Lo stesso Foreign Office ha inoltre fatto sapere che "verificherà per quale motivo, in pochi e isolati distretti scolastici, siano state introdotte queste categorizzazioni, che peraltro non avevano alcuna volontà discriminatoria, ma semplicemente miravano all'accertamento di qualche ulteriore difficoltà linguistica per i bambini da inserire nel sistema scolastico inglese e gallese".

Le scuse hanno soddisfatto Terracciano. "E' un episodio minore, ma preoccupante perché l'ignoranza può essere il brodo di una cultura dell'intolleranza". Secondo l'ambasciatore "il risultato del referendum sulla Brexit ha evidentemente sdoganato certe visioni insulari che evidentemente serpeggiavano. Oggi in Europa dobbiamo fare uno sforzo per ricercare i punti che uniscono e ci accomunano".

Ma in Italia la polemica continua a tenere banco. "Non ci sono giustificazioni o scuse che tengano - ha tuonato il sottosegretario all'Istruzione Davide Faraone - perché l'intollerabile distinzione fra gruppi linguistici non rende giustizia a un Paese dalla storia e dalla cultura così grandi come il Regno Unito che pare, in questo caso, operare una sorta di ghettizzazione dei meridionali, considerati alla stregua di un popolo separato". La scuola italiana, ha aggiunto, "ha superato da tempo questi stereotipi e mostra un'apertura verso l'altro, straniero, disabile, diverso, che evidentemente a quella d'Oltremanica manca ancora. Dobbiamo evitare con forza che ciò che viene superato qui permanga altrove, come purtroppo spesso capita. La scuola, nel Regno Unito come in Italia, deve lavorare per l'integrazione, per la diffusione della cultura, per la formazione delle generazioni future, lasciandosi alle spalle visioni ottocentesche ormai fuori dalla realtà".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
EUROPA LEAGUE

Atalanta e Milan, cinquine per i sedicesimi

Orobici e milanesi, con un 5-1, passano il turno con una giornata di aniticipo. Pari della Lazio
Robinho
VIOLENZA SESSUALE

Robinho condannato a nove anni

L'attaccante dell'Atletico Mineiro, ex Milan, avrebbe praticato una violenza di gruppo nel 2013
Una foto d'archivio di Pietro Orlandi con il manifesto che ricorda la sorella Emanuela
GIALLO IRRISOLTO

Caso Orlandi, presentata denuncia in Vaticano

L'avvocato Sgrò: "Emersi nuovi dati, speriamo che la Gendarmeria indaghi"
Il premier Gentiloni e il ministro dell'Economia Padoan
ETÀ PENSIONABILE

Nel 2019, stop all'aumento a 67 anni per 14.600

Presentato l'emendamento del Governo: aumentano a 15 i lavori gravosi
Il Sostituto della Segreteria di Stato mons. Angelo Becciu
MALESIA

Inaugurata la Nunziatura "green"

Il sostituto mons. Becciu ricorda la libertà religiosa sancita dalla Costituzione
TRAGEDIA DEL RIGOPIANO

Altre 23 informazioni di garanzia per il disastro

A spedirle la Procura di Pescara: la valanga aveva provocato 29 vittime
Papa Francesco riceve in udienze le famiglie francescane in Vaticano
VATICANO

La peggiore delle mondanità secondo Bergoglio

Il Pontefice riceve in udienza il Primo e Terz’Ordine regolare francescano
Monsignor Lorenzo Leuzzi
VESCOVI

Monsignor Leuzzi trasferito a Teramo

Nominati ausiliari a Roma don Paolo Ricciardi e padre Daniele Libanori