GIOVEDÌ 17 GENNAIO 2019, 16:48, IN TERRIS


UE

Riso: ecco i dazi che fanno felici i produttori italiani

Imposte reintrodotte per i prodotti provenienti da Cambogia e Birmania. Salvini: "Abbiamo vinto grazie alla Lega"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Riso
Riso
I

 produttori italiani hanno vinto la loro battaglia a Bruxelles. La Commissione Ue ha reintrodotto i dazi sul riso proveniente da Cambogia e Birmania, corrispondente a 175euro a tonnellata. Chiuso così un percorso iniziato il 16 marzo dell’anno scorso quando Bruxelles aveva autorizzato l’avvio di un’indagine richiesta dal governo Gentiloni perché quella misura, nata per aiutare i due Paesi asiatici in via di sviluppo, non solo non ha raggiunto l'obiettivo ma ha anche causato danni rilevanti ai risicoltori italiani. 


"Risultato a tutela dei lavoratori e della qualità"

L’Ente nazionali risi ha stimato in almeno 11 mila gli ettari (il 5% del totale) che sono stati abbandonati perché i prezzi pagati dall’industria non riescono a coprire i costi di produzione. Gli ispettori di Bruxelles lo scorso giugno avevano incontrato i produttori di Piemonte e Lombardia hanno confermato questa tesi. Ettore Prandini, presidente di Coldiretti, commenta: "Si tratta di un importante cambio di rotta che deve riguardare tutte le produzioni poiché l’Ue deve vigilare affinchè tutti i prodotti che entrano nei confini nazionali ed europei rispettino gli stessi criteri a tutela della dignità dei lavoratori, garantendo che dietro gli alimenti, italiani e stranieri in vendita sugli scaffali ci sia un percorso di qualità per il rispetto di requisiti per l’ambiente, la salute e il lavoro".


Esultano Lega e M5s

"Oggi viene adottata la clausola di salvaguardia a tutela della filiera del riso e domani sarà ufficialmente pubblicata in Gazzetta Ufficiale", commentava ieri Gian Marco Centinaio, ministro dell'Agricoltura. "Possiamo finalmente dire che inizia una nuova fase per l’intero comparto, dopo anni di denunce e proteste. Adesso puntiamo ancora di più sulla qualità, sulla promozione e sulla trasparenza in etichetta per riconoscere i veri prodotti italiani", ha aggiunto. Sulla questione è intervenuto anche Salvini: "Tornano i dazi sul riso. È una storica battaglia della Lega: meglio tardi che mai. Grazie a noi - per una volta! - a Bruxelles hanno vinto l'Italia e il buon senso. Così abbiamo salvato migliaia di posti di lavoro e tutelato la salute degli Italiani". Sulla stessa lunghezza d'onda il senatore 5Stelle Marco Zullo, che afferma: "Si trattava di una situazione che penalizzava iniquamente un settore produttivo fondamentale per l'agricoltura italiana, che soprattutto negli ultimi anni ha dimostrato di avere grandi potenzialità di innovazione. Con il Movimento 5 Stelle al governo tutto il sistema Italia è più forte e tutelato in Europa".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Simbolo Eurostat
COMUNITÀ EUROPEA

Eurostat: debito in crescita nel 2018

Il deficit è invece sceso al 2,1%, dal 2,4% del 2017
Armando Siri
IL CASO

Siri, Salvini: "Giudici facciano in fretta"

Il vicepremier: "Si è colpevoli solo con condanna". Morra: "Intollerabile presenza nel governo"
Coltello
ROMA

Gli vede il crocifisso al collo, tenta di sgozzarlo

Il fatto alla vigilia di Pasqua vicino la stazione Termini. Marocchino l'aggressore
Il luogo dell'incidente sul lavoro
TAINO | VARESE

Precipita in fabbrica: morto figlio del titolare

Inail: nel 2019 + 3,5% di morti bianche rispetto allo stesso periodo dello scorso anno
Offerte di lavoro

Aiuti al Sud

Andranno in vigore dal primo maggio esoneri contributivi per le aziende che assumono a tempo indeterminato i...
Una scarpa abbandonata, una delle immagini simbolo del massacro
STRAGE DI PASQUA

Sri Lanka, chi sono le vittime del massacro

Britannici, statunitensi, indiani, cingalesi: 290 vite spezzate dalla follia del terrorismo