GIOVEDÌ 22 AGOSTO 2019, 00:01, IN TERRIS

La partita della compatibilità programmatica

Tra divergenze e punti di avvicinamento, la complessa strategia di una nuova intesa

MARCO FRITTELLA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Nicola Zingaretti e Luigi Di Maio
Nicola Zingaretti e Luigi Di Maio
Q

uesta bizzarra crisi agostana che ha prodotto il durissimo dibattito di martedì in Senato, tende ad oscurare – ma non è una novità – il dato della compatibilità programmatica delle forze in campo: di quelle che si sono, almeno per il momento, separate; e di quelle che potrebbero nelle prossime settimane decidere di allearsi. Da una parte dunque la frattura giallo-verde tra la Lega e il M5S; dall’altra la possibile alleanza tra M5S e Partito democratico. Guardiamo la crisi solo da questo punto di vista, lasciamo per il momento sullo sfondo tutto il complesso e poco edificante spettacolo delle contrapposizioni personali, dei calcoli di bottega e delle lotte tra partiti e tra correnti. Parliamo solo di programmi.

La compatibilità programmatica di Lega e M5S è stata possibile sin quando i due partiti, in parallelo, hanno provveduto a delle loro rispettive campagne elettorali: quota 100 per i leghisti, il reddito di cittadinanza per i grillini. Sulla politica migratoria Salvini ha chiesto e ottenuto una sorta di mandato in bianco nella scelta cosiddetta dei “porti chiusi”: il M5S ha accettato la linea del ministro dell’Interno (tanto da averlo difeso nella vicenda Diciotti) anche se non sono mancati problemi e difformità con gli altri ministri Trenta e Toninelli. In ogni caso i veri “casi” sono sorti sulla politica industriale (casi Ilva Tap,Tav, trivelle, Gronda di Genova e opere pubbliche in genere) e sulla richiesta di maggiore autonomia avanzata da tre regioni del Nord, due con le amministrazioni leghiste e una del Pd. Infine la divaricazione più forte è stata quando in Europa il M5S si è schierato a favore della candidata del Ppe alla presidenza della Commissione europea e la Lega ha invece votato contro. Quando l’insieme delle divergenze si è rivelato al di sopra della reciproca sopportazione, il caso è scoppiato ed è arrivata la crisi.

Ora la domanda è: la compatibilità programmatica tra il centrosinistra e i grillini è maggiore di quella del defunto governo giallo-verde? Difficile rispondere di sì. Su quasi tutto Pd e M5S nell’ultimo anno e mezzo hanno votato in difformità: Ilva, Tap, Tav, crisi industriali. Il reddito di cittadinanza è stato duramente criticato dai vari esponenti democratici, e non solo da Calenda, mentre Del Rio ha visto i grillini all’opera per smantellare il codice degli appalti e gli appalti medesimi varati quando lui era ministro dei Trasporti. Quanto all’autonomia, il Pd guida l’Emilia Romagna che ha fatto una richiesta più moderata di Veneto e Lombardia ma pur sempre molto caratterizzata. Sulla politica migratoria e della sicurezza, il Pd ha accusato il M5S di essersi sottomesso a Salvini. E sulla politica estera le divergenze sono sempre state molto serie, dall’europeismo al Venezuela non sono mancate le polemiche. Senza contare naturalmente la prima legge di Bilancio del governo giallo-verde con l’asserita “sconfitta della povertà”.

Ieri la Direzione del Pd ha posto delle condizioni programmatiche per avviare un dialogo e ha chiesto risolutamente “discontinuità” di persone e di programmi ai Cinque Stelle Per capire se una nuova maggioranza si potrà formare occorre capire fino a che punto queste richieste saranno accolte.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Prodotti
FALSE ATTESTAZIONI

Celiachia, aziende a processo per la truffa alle Asl

La Regione Lazio si costituirà parte civile per i falsi rimborsi. Il boom degli alimenti speciali
Il luogo dell'incidente
MILANO

Travolge motociclista e si suicida

La Guardia giurata, 26 anni, ha investito un centauro 65enne
Scontri in Bolivia
BOLIVIA

Ancora scontri tra manifestanti e polizia: 3 morti

Le forze di sicurezza sono intervenute con elicotteri e l'utilizzo di armi e lacrimogeni
Sergio Mattarella con il presidente dell'Anci, Antonio Decaro - Foto © Quirinale
SISMA NEL CENTRO ITALIA

Mattarella: “Ricostruzione post-terremoto faticosa, il tempo incalza”

All’assemblea dell’Anci il presidente della Repubblica punta l’indice contro i ritardi nei lavori
Gaetano Micciché
SERIE A

Caos in Lega, Micciché si dimette

Il presidente, eletto nel marzo 2018, ha rassegnato le sue dimissioni: "Su di me indiscrezioni inaccettabili"
Migranti
DIRITTI CIVILI

Università a misura di migrante

Su immigrazione e asilo, a Lucca al via oggi il primo corso di alta formazione
Palazzo Madama, sede del Senato
IL PUNTO

I nodi della politica

Presentati gli emendamenti alla Manovra, parte la discussione in Senato in vista dell’approvazione della legge di bilancio
Cesare Battisti
TERRORISMO

Cesare Battisti sconterà l’ergastolo

La decisione della Corte di Cassazione sul ricorso proposto dalla difesa dell’ex terrorista dei Pac
TARANTO

Ex Ilva, l’inchiesta continua

Perquisizioni della Guardia di Finanza a Taranto e Milano, mentre si cerca una soluzione politica. Mattarella incontra sindacati
Zona franca attorno al PolyU
LA PROTESTA

Hong Kong, ancora assedio al PolyU

Ancora un centinaio di giovani trincerati, appello di Carrie Lam alla soluzione pacifica. Negato l'espatrio a Wong
Banco Alimentare
CONTRO LO SPRECO

“I fondi Ue sono fondamentali per aiutare i poveri”

Appello del Banco Alimentare: il numero degli indigenti è raddoppiato in Italia dall'inizio della crisi
Pesci rossi nelle campagne del Salento - ©Sportello dei diritti
SALENTO

Pesci rossi: dall'acquario alle pozzanghere

Lo Sportello dei Diritti: "Un evento preoccupante per l'ambiente"