SABATO 25 GENNAIO 2020, 00:01, IN TERRIS

Matrimonio: e se il Censis si sbagliasse?

Vincenzo Bassi (Presidente FAFCE) mette in discussione le statistiche del Censis. Ecco perché

VINCENZO BASSI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
L

eggendo le statistiche del Censis, il matrimonio, pur essendo un’istituzione più che millenaria, dovrebbe essere destinato all'estinzione. In tutta franchezza, non sarà così; la bellezza del matrimonio prevarrà su tutte le tendenze e le mode. Ciò nonostante, questi dati ci impegnano a ragionare sul perché i giovani rifiutano la vocazione matrimoniale.

Sul punto, vale la pena ricordare che il matrimonio, ovvero il negozio giuridico costitutivo della famiglia, è l’unico negozio giuridico in cui ciascuna parte si impegna, pubblicamente, a perseguire la cura dell’altra, mentre i coniugi, insieme, mettono a disposizione della società la loro capacità generativa (mater munus). Chi contrae matrimonio, lo fa perché vuole responsabilmente aiutare i membri della famiglia e non perché attraverso il matrimonio si assicura l’impegno degli altri. Ebbene, la crisi del matrimonio vuol dire la crisi del dono e la prevalenza del consumismo. Tutto è merce e la merce non può durare. E infatti, se il "per sempre" non è compatibile con l'attuale consumismo, è chiaro che il matrimonio va in crisi. In questo contesto, non è un caso che parimenti al declino dei matrimoni si assiste al declino demografico, dal momento che, nonostante i vari tentativi, i figli non sono merce, e generarli costituisce un "per sempre". In pratica, non solo i matrimoni si estingueranno, ma si estinguerà una buona fetta della popolazione.

Che dire: ci si deve rassegnare a questa prospettiva apocalittica? La risposta è no, anche perché non è vero che i giovani non vogliono impegnarsi; se non si impegnano è solo perché si sentono soli e la solitudine fa perdere loro la speranza. Occorre quindi valorizzare il ruolo della famiglia, puntando soprattutto sui giovani che pongono, come pilastro della propria vita, il dono all'altro attraverso il matrimonio. Lo stesso Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel discorso di fine anno, è stato chiaro: "Dobbiamo riporre fiducia nelle famiglie italiane". Non si tratta di un'affermazione scontata. Seguendo l'indicazione del Presidente Mattarella, occorre riconoscere alla famiglia un rilievo pubblico, essendo una risorsa per il bene comune.

In concreto, le famiglie dunque non vanno ostacolate, ma premiate. Ma non solo, poiché le famiglie non sono il malato da curare, ma la cura del malato, occorre uscire da una logica meramente assistenzialistica. Infatti, fornire sostegno alle famiglie significa non tanto e non solo maggiore sussidi e aiuti ai poveri, quanto piuttosto fare in modo che le famiglie possano realizzare i loro progetti di vita. In conclusione, il declino dei matrimoni non può costituire un mero dato statistico. Deve far riflettere la circostanza che senza i matrimoni un'intera società perde di senso, tanto che, come conseguenza, la diminuzione dei matrimoni determina anche una decrescita demografica.

Tuttavia, occorre aver ben chiara la causa di un simile declino perché solo così si potrà intervenire. A tal proposito, vivendo i problemi e la vita delle famiglia, non c'è dubbio che i giovani ricominceranno a sposarsi quando prevarrà la speranza sulla solitudine. Pertanto, se si vuole essere solidali nei confronti dei giovani e delle famiglie, occorre lottare contro la solitudine, perché è proprio la solitudine a togliere la speranza. Come si fa a lottare contro la solitudine delle famiglie e dei giovani? Vanno valorizzate l'associazionismo famigliare, perché all’interno di una famiglia di famiglie, è più difficile sentirsi soli, e stando insieme anche la precarietà materiale è superabile.

L'avvocato Vincenzo Bassi è Presidente della Federazione europea della Associazioni Famigliari Cattoliche (FAFCE) e Vice Presidente dell'Unione dei Giuristi Cattolici Italiani (UGCI)

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Maria grazia colombo
25 Gennaio 2020 @ 10:41
Condivido totalmente il pensiero di Bassi. Non per buonismo ma come certezza laica che rimotiva in modo intelligente ognuno di noi e apre una strada da percorrere per le nuove generazioni.

Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
UDIENZA GENERALE

Il Papa: "I miti? Non sono fiacchi, sono fatti per il Cielo"

Continuano le catechesi del Pontefice sulle Beatitudini del Vangelo di Matteo
SENATO

Conte: "Il consiglio Ue? Si annuncia complesso e complicato"

Le dichiarazione del premier a Palazzo Madama alla vigilia del Consiglio europeo
Fayez al-Sarraj
CRISI LIBICA

Sarraj abbandona i colloqui di Ginevra

Dopo l'attacco di Haftar nel porto di Tripoli a una nave turca che trasportava armi
La Diamond Princess
CORONAVIRUS

Giappone: iniziato lo sbarco della Diamond Princess

E' partito l'aereo che porta il personale sanitario a Yokohama per soccorrere gli italiani
Pereira Carlos Alberto Salazar
OPERAZIONE ANTIDROGA

Colombia, catturato il "Pablo Escobar" dell'eroina

Sul trafficante di droga pende una richiesta di estradizione dagli Stati Uniti
Giuseppe Conte e Matteo Renzi
GOVERNO

Conte-Renzi, sfida ad alta tensione

Accordo sulla prescrizione ma l'estenuante giornata in Senato ha assestato un altro colpo alla maggioranza
Dia
IL BLITZ

Mafia, arrestato il fratello della vedova Schifani

Giuseppe Costa è accusato di associazione mafiosa nell'ambito dell'inchiesta sul clan dell'Arenella. Suo...
MODENA

Tre ragazzi lanciano sassi contro un treno: 14enne indagato

La Procura sta procedendo per attentato alla sicurezza dei trasporti e getto pericoloso di cose
Il cardinale, Christian Wiyghan Tumi, parla con il leader d'opposizione del Camerun, John Fru Ndi, durante la cerimonia di apertura del piano di dialogo nazionale a Yaounde il 30 settembre 2019 - Foto © AFP
AFRICA

Don Forka, il prete che accusa il suo governo di genocidio

Il sacerdote ha scelto YouTube per denunciare il massacro nelle regioni anglofone del Camerun
La Diamond Princess
L'EPIDEMIA

Diamond Princess, un italiano positivo al Coronavirus

Mille sbarcati dalla Westerdam senza quarantena: tra loro 1 infetto e 5 italiani, individuati in Cambogia
Flavio Bucci nei panni di don Bastiano ne
IL LUTTO

E' morto Flavio Bucci, il don Bastiano di Monicelli

L'attore torinese è deceduto nella sua casa di Passoscuro a 72 anni. Quasi cinquant'anni di carriera fra cinema,...
Liliana Segre
LA TESTIMONIANZA

Liliana Segre, laurea honoris causa alla Sapienza

La senatrice inaugura l'Anno accademico e riceve il titolo in Storia dell'Europa: "Conoscere è...
CONFLITTO

Siria, inventa un gioco per distrarre la figlia dalle bombe

Il video è virale. Le Nazioni Unite sugli attacchi: "Abbiamo raggiunto un livello orribile"
Il prof. Giovanni Rocchi
ROMA

Oggi i funerali del fondatore di "medicina solidale"

Giovanni Rocchi espresse "il carattere più autentico della medicina". Il cordoglio dell'Univ. di Tor...
POLITICA

Milleproroghe, chiesta fiducia. Incognita decreto sicurezza

Palazzo Chigi lavora a riscrivere il decreto. Ma la vera sfida è mettere tutti d'accordo
L'imprenditore e filantropo Osman Kavala
TURCHIA

Gezi Park, il filantropo Kavala rischia l'ergaastolo

In detenzione preventiva, Kavala è accusato di aver tentato di rovesciare il governo di Erdogan