MARTEDÌ 19 NOVEMBRE 2019, 23:23, IN TERRIS

Il vero volto di Papa Francesco

L'identità del bene in un semplice gesto d'amore

ITALO D'ANGELO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Papa Francesco durante il pranzo con i poveri
Papa Francesco durante il pranzo con i poveri
C

redo che la nostra società stia vivendo una delle più grandi crisi dell’era moderna. Tutto è confuso. Sembra che il grande tentatore abbia raggiunto il massimo dei suoi squallidi risultati. Ho gioito l’altro giorno vedendo un Papa felice tra i poveri. E l’ho scritto. Mi sono arrivati i messaggi più strampalat: “Eh, sì. Con tutti i palazzi che ha ne dona uno solo ai poveri! Sai che sforzo". E un altro: "Non gliel’ha donato ai poveri! L’ha dato in uso“. Mi sono chiesto se queste riflessioni meritassero una risposta. Sì, tutte le riflessioni la meritano. Il Papa è il Vicario di Cristo in questa terra, ha una sede ove vive in maniera modesta. Ma è la sede di Pietro, ove negli anni si sono unite cultura e storia , santità e miseria. Cosa dovrebbe fare un Papa se non il messaggero di Cristo? E a me sembra che quest’uomo chiamato al soglio di Pietro si stia prodigando al massimo. Con le sue scarpe larghe e vecchie, con il suo orologino da quattro soldi, la borsa consunta e l’utilitaria con la quale si muove come un prete di campagna e arriva alle cerimonie ufficiali nell’imbarazzo di una scorta che stenta a proteggerlo. Perché questo Papa si dona a tutti e lo fa in una maniera che a volte confonde. Risponde a tutte le domande che gli fanno i giornalisti. È umile e buono con tutti, sempre sorridente, il suo sguardo diventa triste e dolce solo quando guarda i poveri. È evidente il suo amore per loro.


Una risposta

Quando talvolta mi recavo a Roma e vedevo sotto il loggiato i poveri preparare i cartoni per la notte io mi vergognavo. Sì, mi vergognavo da cattolico, perché non potevo pensare al mio Papa che dormiva in un letto o ai cardinali e ai vescovi nei loro appartamenti. Ai sacerdoti e ai religiosi chiusi nelle canoniche e nei conventi. Io ho vissuto a contatto con gli uomini di Chiesa e so quanto bene fanno, quante famiglie aiutano ogni giorno. So quanti sacerdoti e religiose esercitino il proprio ministero con umiltà e generosità. So che il bene non fa notizia, perché a questa società interessa lo scandalo. Il politico onesto non fa notizia. Fa notizia il ladro, il lestofante e, in questo qualunquismo culturale, tutto viene macinato. Anche il bene. Ma quei poveri sotto il colonnato di Pietro mi facevano vergognare. Il Papa ha risposto alle mie preghiere, perché tante volte ho pregato guardando quei volti scavati dal dolore e mi  sono commosso, accarezzandoli. Mi sono commosso fino alle lacrime. Pochi spiccioli, una carezza che non riuscivano e non riescono a dare risposta al mio imbarazzo. Quel palazzo donato dal Papa agli ultimi, l’assistenza giorno e notte di medici e di infermieri per curare chi soffre senza chiedere ticket o carta di identità mi hanno reso felice. E ho voluto dare atto di questa felicità e gioirne con chi mi stava accanto. E invece, il grande tentatore: “Sì ma perché non gliel’ha donato ai poveri?”.


L'identità del bene

Insomma serve una identità del bene? E come si dona ad un povero? Intestandogli il bene la richiesta non è banale come la riflessione che cerca sempre il male in tutto. Anche in un gesto di amore. Quel Papa che ho visto mangiare con i poveri allegramente me ne ha ricordato un altro che ho tanto amato, che sapeva sorridere e far sorridere. Che non ha mai smesso di amare fino alla morte. Che diceva di no a chi lo consigliava di lasciare. Quel Papa che ho visto con la testa reclinata e la saliva che gli scendeva dalle labbra e che mi ha guardato negli occhi. Quegli  occhi che non dimenticherò mai e che cerco ancora perché quelli sono gli occhi di Dio. Un Dio che ci parla, ci ama e ci vuole felici. Un Dio che è speranza e che ci aspetta. E allora, che mi importa delle critiche sciocche verso un gesto di amore? Sì, viva il Papa! Io lo voglio gridare forte come l’ho gridato anni fa sotto al loggiato di Loreto. Viva il Papa, viva Papa Francesco, custode della Chiesa e volto in terra del Cristo.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Luigi baldi
20 Novembre 2019 @ 18:38
Che bell'articolo! Finalmente, in mezzo a tanto fango gettato, purtroppo anche da dentro la Chiesa contro il papa Francesco, anche da ecclesiastici! Incredibile! Preghiamo il Signore per il papa, come lui ci invita a fare ogni volta, e per quelli che lo infangano e tentano di delegittimarlo, perché tocchi loro il cuore e, aldilà di legittime simpatie o riserve che si possono avere (il papa non è Dio in terra ed è legittimo avere più o meno simpatia per questo o quel papa nel suo aspetto personale), faccia loro e a noi tutti capire che non siamo chiamati a misurare il magistero anche ordinario della Chiesa sulle nostre opinioni ma le nostre opinioni sul magistero della Chiesa, di cui il papa è il fulcro come successore di Pietro.

Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
SALUTE

L'intelligenza artificiale scopre un "super antibiotico"

E' stato chiamato "halicin" in omaggio al supercomputer Hal 9000 del film "2001: Odissea nello spazio"
MARE

Ecco perché le sardine si stanno rimpicciolendo

Fedagripesca-Confocoperative ha presentato la prima mappa delle anomalie nel Mediterraneo
Nel riquadro, Walter Ricciardi

"Abbiamo imparato dalla Sars: l'epidemia non deve diventare pandemia"

A Interris.it il consigliere del ministro della Salute, Walter Ricciardi promuove lo stop vaticano agli eventi affollati in...
Mascherine in piazza San Pietro, Roma
EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, la risposta del Vaticano all'epidemia

Dispenser igienizzanti e chiusura di luoghi affollati, ma l'udienza del Papa non salta. Messe a porte chiuse in Lombardia
DANNI ECONOMICI

"Recessione per effetto della pandemia"

Sos per le ricadute del coronavirus. Le rilevazioni sui consumi e sull'export

Germania, auto contro corteo di carnevale: ecco cosa è successo

La Polizia non ha riferito se si sia trattato di un incidente o di un atto premeditato
EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, un'altra vittima in Lombardia

Stanno ritornando gli Italiani respinti alle Mauritius. Ricoverato un autista italiano in Francia
Il ministro dell'Interno del Governo di accordo nazionale libico, Fathi Bashagha
DOSSIER LIBICO

Libia, i contorni di un conflitto sempre più politico

I contrasti fra il governo e le milizie nell'area potrebbero favorire Haftar?
Coronavirus
L'EPIDEMIA

Coronavirus, il bilancio delle vittime in Italia

Lo ha riferito il capo della Protezione Civile: è un uomo di 88 anni. Volo Alitalia bloccato alle Mauritius
Julian Assange
LONDRA

Caso Assange, al via le udienze per l'estradizione negli Usa

Il fondatore di Wikileaks è inseguito da Washington fin dal 2010
Papa Francesco
QUARESIMA

"Chi crede alle menzogne del diavolo vive l'inferno sulla terra"

Il messaggio del Papa prepara i fedeli alla Pasqua sul tema: "Vi supplichiamo in nome di Cristo: lasciatevi riconciliare con...
Cieli carichi di sabbia alle Canarie
FENOMENO ECCEZIONALE

Tempesta di sabbia sulle Canarie

I venti del Sahara avvolgono l'arcipelago spagnolo: voli fermi, scuole chiuse e turisti bloccati
SICILIA

Palermo, ventenne ucciso a coltellate

Tragedia all'uscita dalla discoteca a Terrasini, in provincia di Palermo, dove un giovane di venti anni è...
Iraniani a Teheran indossano la mascherina - Foto © AFP
EMERGENZA GLOBALE

Coronavirus, la paura da Pechino al Medio Oriente

Aumentano i casi di contagio globale. In Iran isolata la città santa di Qom
Clochard
MORIRE DI FREDDO

Il gelo dell'indifferenza uccide i più fragili

In preghiera a Genova per i clochard. 51 mila a rischio in Italia
ALLARME SANITARIO

"I social contagiano la psiche"

Appello degli psicologi contro la "diffusione digitale del virus del terrore"