LUNEDÌ 07 OTTOBRE 2019, 15:06, IN TERRIS

Il Crocifisso e la democrazia di Dio che ci rende tutti figli

L'intervento del neurochirurgo Massimo Gandolfini, presidente del Family Day

MASSIMO GANDOLFINI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
"E

gli è qui per la rovina e la risurrezione di molti in Israele e perché siano svelati i pensieri di molti cuori" (Lc 2,34). Con queste parole il vecchio profeta Simeone accoglie Gesù nel giorno della sua presentazione al Tempio di Gerusalemme. Una profezia che non conosce limiti di tempo, che non è legata ad una sola epoca storica, tanto che accade anche ai nostri giorni, in modo ricorrente: “Che cosa ci fa in un’aula di scuola il Crocifisso?”. Il delirio ossessivo di togliere di mezzo l’immagine del crocifisso si sta ripetendo anche in questi giorni. Tanto si è scritto e – ne sono certo – si continuerà a scrivere in merito, ma almeno due paletti chiari ed inequivoci è utile piantarli o riproporli.

Il primo di ordine storico-culturale: l'immagine del crocifisso è parte fondamentale, ineliminabile, della storia e della tradizione del nostro popolo. Togliamo il crocifisso dall’italica storia e ci rimangono orgie, violenze e sangue dell’Impero romano. Cancelliamo secoli e secoli di storia che hanno fatto grande nel mondo il nostro Paese. Solo la più gretta ed ignorante ideologia può negare tutto questo. La seconda di carattere antropologico e sociopolitico: il Crocifisso ha fondato i valori della pace, dell’uguaglianza, della dignità di ogni persona umana. L'imperatore e l'ultimo schiavo di Roma hanno la stessa identica dignità, hanno lo stesso incommensurabile valore e godono del medesimo diritto alla vita, alla libertà e alla giustizia. Se si vuole parlare di "democrazia", certamente non c’è democrazia più grande di quella che ci definisce tutti figli dello stesso, Padre, fra di noi fratelli, riscattati dal quel Primogenito, anch’Egli nostro fratello, che non ha esitato a salire sulla croce per amore. Amore non di parte, non di un popolo contrapposto ad un altro, non di un partito avversario di un altro, non di una chiesa in competizione con un’altra: amore incondizionato per tutti e per ciascuno. Che cosa c'è di più grande che dare la propria vita per salvarne un’altra? Ma se questo ancora fosse poco, che cosa c’è di più incredibilmente sublime che dare la propria vita a vantaggio di chi mi è ostinatamente ed irriducibilmente nemico? Credo non dobbiamo dimenticarcelo mai: questo ha fatto Cristo e questo è il vero messaggio che il Crocifisso comunica all’uomo di ogni tempo.

Chi parla di simbolo divisivo, discriminatorio, contrario alla laicità dello stato, nella migliore delle ipotesi, non sa quel che dice. Il Crocifisso è immagine di amore totale, impronta della sostanza di quel Padre che non ha esitato di sacrificare suo Figlio per la salvezza di ogni uomo. Certamente, lungo la storia, siamo colpevoli di aver gettato pesantissime ombre su quell’immagine: sono i nostri tradimenti, i nostri peccati, le nostre miserie, le nostre viltà ed ipocrisie. Ma quella luce non è stata (e non sarà mai) spenta: morte e vita si sono affrontate in un prodigioso duello, e la vita ha vinto. Il Crocifisso rimanda proprio alla vittoria sulla morte. Chiunque guardi un crocifisso con il cuore, prima che con gli occhi, non può non sentire moti dell’animo contrastanti: dal dolore alla speranza. Già, speranza, perché quell’immagine sta a dire che c’è un uomo che potendo fuggire al dolore e alla morte, potendo sedersi sul trono di un re invincibile, pieno di potenza e di gloria, ha liberamente scelto di sdraiarsi sul trono di una croce per amore. Ha messo sotto la ghigliottina la sua testa perché si salvasse la mia. È certamente opera della fede se possiamo credere che quell’uomo è figlio di Dio, è Dio; ma non serve la fede per riconoscere che quell’opera culminata sulla croce ha il valore eterno di un amore senza limiti. In aula di scuola, un bravo maestro o un bravo professore potrebbe impiegare ore e ore di lezione di "educazione civica" solo descrivendo l’immagine del crocifisso, perché lì dentro c’è tutto: amore, solidarietà, condivisione, inclusione, libertà, giustizia. Tutti i valori laici e democratici della società moderna, dobbiamo avere l’onestà di riconoscerlo, sono stati bagnati e fermentati dal sangue che l’uomo del crocifisso ha profuso senza risparmio. Non è la laicità a negare il crocifisso, perché laicità e fede convivono perfettamente; è il laicismo, becero ed ignorante, che si fa venire l'orticaria … se solo sapessero che il Crocifisso è lì anche per loro!

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Vincenzo sorbo
09 Ottobre 2019 @ 15:09
Bene Massimo, si potrebbe dire "né la carne, né il sangue te l'hanno rivelato, ma lo Spirito del Signore che abita in te". Belle parole le tue, ma non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire, soprattutto nell'attuale società, specie dove manca Dio.
Erasmo nasti
08 Ottobre 2019 @ 09:08
Grandioso Gandolfini ottima controbattuta a questa ulteriore assurdità che determinate persone affermano con la loro cecità del corpo e soprattutto dello spirito.

Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
NEW ECONOMY

Smart&Start Italia: da oggi si possono inviare le domande

Al via la misura che sostiene la nascita e lo sviluppo di startup innovative. Cosa prevede la circolare ministeriale
POLITICA

Il caso Gregoretti, oggi la decisione

Dal caso Gregoretti al taglio del cuneo fiscale, passando per le sardine in piazza: l'inizio della settimana politica
Brad Pitt e Jennifer Aniston ai SAG Awards 2020
HOLLYWOOD

Ai Sag "Parasite" fa la storia: vince come "straniero" e "miglior film"

Ma a fare davvero notizia è la reunion di Brad e Jennifer. Vincono anche Phoenix, Zellwegger e Dern
Il blitz nel quartiere romano di San Basilio
SPACCIO DI SOSTANZE STUPEFACENTI

Maxi blitz anti droga a San Basilio: 21 arresti

Legami anche con la 'ndrina calabrese Marando di Platì
Clochard (immagine di repertorio)
NOVARA

Uomo trovato morto su una panchina: ipotesi suicidio

Inizialmente si pensava si trattasse di un clochard morto per ipotermia, notizia poi smentita
VIOLENZA

Orrore in Pakistan, bimba violentata e uccisa

Dopo gli abusi, i due malviventi l'hanno affogata
La palazzina crollata
CATANIA

Crolla palazzina: evacuate 7 persone

Non ci sarebbero né vittime né feriti, si cercano dispersi in via precauzionale
Cyberbullismo
PIEMONTE

Cyberbullismo: al via una ricerca pilota in 48 scuole

Si tratta della prima ricerca sul campo per studiare il fenomeno delle molestie tra minori in rete
Tasse

Pagare tasse sulle tasse

Le tasse italiane, tra i vari paesi del mondo, hanno delle peculiarità proprie che nessuno può vantare:...
Le Sardine a Bologna
VERSO LE REGIONALI

Sardine a Bologna: "Siamo 40 mila"

Raduno a una settimana dalle elezioni in Emilia-Romagna. Santori: "Risvegliato il senso civico"
I leader presenti al summit di Berlino
IL SUMMIT

Libia, tutti d'accordo a Berlino: sì alla soluzione politica

Approvata la risoluzione finale della Conferenza: ok all'embargo sulle armi e al monitoraggio
Il Papa all'Angelus
ANGELUS

Libia, l'appello del Papa: "Dopo Berlino cessi la violenza"

Il Santo Padre auspica "un cammino verso la cessazione delle violenze e una soluzione negoziata" verso la pace
Pietro Anastasi
IL CASO

Anastasi, il figlio rivela: "Aveva la Sla"

Il campione bianconero è deceduto a 71 anni: "Era stata diagnosticata tre anni fa. Ha scelto la sedazione...
Proteste a Beirut
IL CAOS

Libano, il carovita solleva la piazza

Almeno 400 feriti nel sabato di protesta, il premier incaricato Hassan Diab nel mirino