LUNEDÌ 07 OTTOBRE 2019, 15:06, IN TERRIS

Il Crocifisso e la democrazia di Dio che ci rende tutti figli

L'intervento del neurochirurgo Massimo Gandolfini, presidente del Family Day

MASSIMO GANDOLFINI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
"E

gli è qui per la rovina e la risurrezione di molti in Israele e perché siano svelati i pensieri di molti cuori" (Lc 2,34). Con queste parole il vecchio profeta Simeone accoglie Gesù nel giorno della sua presentazione al Tempio di Gerusalemme. Una profezia che non conosce limiti di tempo, che non è legata ad una sola epoca storica, tanto che accade anche ai nostri giorni, in modo ricorrente: “Che cosa ci fa in un’aula di scuola il Crocifisso?”. Il delirio ossessivo di togliere di mezzo l’immagine del crocifisso si sta ripetendo anche in questi giorni. Tanto si è scritto e – ne sono certo – si continuerà a scrivere in merito, ma almeno due paletti chiari ed inequivoci è utile piantarli o riproporli.

Il primo di ordine storico-culturale: l'immagine del crocifisso è parte fondamentale, ineliminabile, della storia e della tradizione del nostro popolo. Togliamo il crocifisso dall’italica storia e ci rimangono orgie, violenze e sangue dell’Impero romano. Cancelliamo secoli e secoli di storia che hanno fatto grande nel mondo il nostro Paese. Solo la più gretta ed ignorante ideologia può negare tutto questo. La seconda di carattere antropologico e sociopolitico: il Crocifisso ha fondato i valori della pace, dell’uguaglianza, della dignità di ogni persona umana. L'imperatore e l'ultimo schiavo di Roma hanno la stessa identica dignità, hanno lo stesso incommensurabile valore e godono del medesimo diritto alla vita, alla libertà e alla giustizia. Se si vuole parlare di "democrazia", certamente non c’è democrazia più grande di quella che ci definisce tutti figli dello stesso, Padre, fra di noi fratelli, riscattati dal quel Primogenito, anch’Egli nostro fratello, che non ha esitato a salire sulla croce per amore. Amore non di parte, non di un popolo contrapposto ad un altro, non di un partito avversario di un altro, non di una chiesa in competizione con un’altra: amore incondizionato per tutti e per ciascuno. Che cosa c'è di più grande che dare la propria vita per salvarne un’altra? Ma se questo ancora fosse poco, che cosa c’è di più incredibilmente sublime che dare la propria vita a vantaggio di chi mi è ostinatamente ed irriducibilmente nemico? Credo non dobbiamo dimenticarcelo mai: questo ha fatto Cristo e questo è il vero messaggio che il Crocifisso comunica all’uomo di ogni tempo.

Chi parla di simbolo divisivo, discriminatorio, contrario alla laicità dello stato, nella migliore delle ipotesi, non sa quel che dice. Il Crocifisso è immagine di amore totale, impronta della sostanza di quel Padre che non ha esitato di sacrificare suo Figlio per la salvezza di ogni uomo. Certamente, lungo la storia, siamo colpevoli di aver gettato pesantissime ombre su quell’immagine: sono i nostri tradimenti, i nostri peccati, le nostre miserie, le nostre viltà ed ipocrisie. Ma quella luce non è stata (e non sarà mai) spenta: morte e vita si sono affrontate in un prodigioso duello, e la vita ha vinto. Il Crocifisso rimanda proprio alla vittoria sulla morte. Chiunque guardi un crocifisso con il cuore, prima che con gli occhi, non può non sentire moti dell’animo contrastanti: dal dolore alla speranza. Già, speranza, perché quell’immagine sta a dire che c’è un uomo che potendo fuggire al dolore e alla morte, potendo sedersi sul trono di un re invincibile, pieno di potenza e di gloria, ha liberamente scelto di sdraiarsi sul trono di una croce per amore. Ha messo sotto la ghigliottina la sua testa perché si salvasse la mia. È certamente opera della fede se possiamo credere che quell’uomo è figlio di Dio, è Dio; ma non serve la fede per riconoscere che quell’opera culminata sulla croce ha il valore eterno di un amore senza limiti. In aula di scuola, un bravo maestro o un bravo professore potrebbe impiegare ore e ore di lezione di "educazione civica" solo descrivendo l’immagine del crocifisso, perché lì dentro c’è tutto: amore, solidarietà, condivisione, inclusione, libertà, giustizia. Tutti i valori laici e democratici della società moderna, dobbiamo avere l’onestà di riconoscerlo, sono stati bagnati e fermentati dal sangue che l’uomo del crocifisso ha profuso senza risparmio. Non è la laicità a negare il crocifisso, perché laicità e fede convivono perfettamente; è il laicismo, becero ed ignorante, che si fa venire l'orticaria … se solo sapessero che il Crocifisso è lì anche per loro!

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Vincenzo sorbo
09 Ottobre 2019 @ 15:09
Bene Massimo, si potrebbe dire "né la carne, né il sangue te l'hanno rivelato, ma lo Spirito del Signore che abita in te". Belle parole le tue, ma non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire, soprattutto nell'attuale società, specie dove manca Dio.
Erasmo nasti
08 Ottobre 2019 @ 09:08
Grandioso Gandolfini ottima controbattuta a questa ulteriore assurdità che determinate persone affermano con la loro cecità del corpo e soprattutto dello spirito.

Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il ponte crollato
FRANCIA

Crolla un ponte a nord di Tolosa: muore 15enne

Un camion e due auto sono precipitati nel fiume, nove i feriti
Area archeologica del Tempio di Apollo Aleo, a Crotone
CROTONE

Maxi retata contro i "tombaroli": 23 arresti e 80 indagati

Recuperati numerosi reperti archeologici per un valore di diversi milioni di euro
Forma di Parmigiano Reggiano
DAZI USA

Vendite in calo del 20% per il Made in Italy

Lo denuncia Coldiretti: "E' sempre più urgente l’attivazione di aiuti compensativi"
I soccorsi
CALIFORNIA | USA

Spara durante una festa in giardino: è strage

Almeno quattro morti e sei feriti a Fresno, sconosciuto movente e killer
Ambiente

L’ambiente

In un mondo come quello in cui viviamo è necessario che in ognuno di noi cresca l’attenzione sui problemi...
Dissesto idrogeologico
EMERGENZA MALTEMPO

Dissesto idrogeologico, giovedì in Consiglio dei ministri

132 frane, 125 alluvioni, sei erosioni costiere nel piano governativo di difesa del territorio
Cristiano Ronaldo
EURO 2020 | QUALIFICAZIONI

Ronaldo non si ferma: a un passo da quota 100

Con la rete al Lussemburgo il portoghese tocca 99 gol in nazionale. Il record assoluto di Ali Daei (109) è nel mirino
Gli stabilimenti ex Ilva
EX ILVA

ArcelorMittal, ultimatum delle aziende dell'indotto

Gli autotrasportatori mordono il freno e chiedono il saldo delle fatture. Boccia: "Senza scudo penale non si firma...
Emergenze a Venezia, Roma e Firenze
MALTEMPO

Da Venezia a Roma: piene, pioggia e vento sull'Italia

Acqua alta a 150 cm nella Serenissima, ora in discesa. A Firenze rischio piena dell'Arno, disagi a Roma e in Alto Adige

La luce di Carlotta

Mi ha colpito molto la descrizione della chiamata di Levi, della chiamata di Zaccheo, fatta da padre Marko...
Militari cinesi a Hong Kong
ASIA

Hong Kong, Pechino schiera i militari

I soldati cinesi hanno aiutato a ripulire le strade della città dai rifiuti lasciati al termine delle proteste
Sabato e domenica forti piogge
METEOROLOGIA

Allerta rossa in 3 Regioni: domani pioggia e freddo

La Protezione Civile ha diramato l'allerta arancione in altre 8 Regioni e quella gialla sulle restanti