LUNEDÌ 07 OTTOBRE 2019, 15:06, IN TERRIS

Il Crocifisso e la democrazia di Dio che ci rende tutti figli

L'intervento del neurochirurgo Massimo Gandolfini, presidente del Family Day

MASSIMO GANDOLFINI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
"E

gli è qui per la rovina e la risurrezione di molti in Israele e perché siano svelati i pensieri di molti cuori" (Lc 2,34). Con queste parole il vecchio profeta Simeone accoglie Gesù nel giorno della sua presentazione al Tempio di Gerusalemme. Una profezia che non conosce limiti di tempo, che non è legata ad una sola epoca storica, tanto che accade anche ai nostri giorni, in modo ricorrente: “Che cosa ci fa in un’aula di scuola il Crocifisso?”. Il delirio ossessivo di togliere di mezzo l’immagine del crocifisso si sta ripetendo anche in questi giorni. Tanto si è scritto e – ne sono certo – si continuerà a scrivere in merito, ma almeno due paletti chiari ed inequivoci è utile piantarli o riproporli.

Il primo di ordine storico-culturale: l'immagine del crocifisso è parte fondamentale, ineliminabile, della storia e della tradizione del nostro popolo. Togliamo il crocifisso dall’italica storia e ci rimangono orgie, violenze e sangue dell’Impero romano. Cancelliamo secoli e secoli di storia che hanno fatto grande nel mondo il nostro Paese. Solo la più gretta ed ignorante ideologia può negare tutto questo. La seconda di carattere antropologico e sociopolitico: il Crocifisso ha fondato i valori della pace, dell’uguaglianza, della dignità di ogni persona umana. L'imperatore e l'ultimo schiavo di Roma hanno la stessa identica dignità, hanno lo stesso incommensurabile valore e godono del medesimo diritto alla vita, alla libertà e alla giustizia. Se si vuole parlare di "democrazia", certamente non c’è democrazia più grande di quella che ci definisce tutti figli dello stesso, Padre, fra di noi fratelli, riscattati dal quel Primogenito, anch’Egli nostro fratello, che non ha esitato a salire sulla croce per amore. Amore non di parte, non di un popolo contrapposto ad un altro, non di un partito avversario di un altro, non di una chiesa in competizione con un’altra: amore incondizionato per tutti e per ciascuno. Che cosa c'è di più grande che dare la propria vita per salvarne un’altra? Ma se questo ancora fosse poco, che cosa c’è di più incredibilmente sublime che dare la propria vita a vantaggio di chi mi è ostinatamente ed irriducibilmente nemico? Credo non dobbiamo dimenticarcelo mai: questo ha fatto Cristo e questo è il vero messaggio che il Crocifisso comunica all’uomo di ogni tempo.

Chi parla di simbolo divisivo, discriminatorio, contrario alla laicità dello stato, nella migliore delle ipotesi, non sa quel che dice. Il Crocifisso è immagine di amore totale, impronta della sostanza di quel Padre che non ha esitato di sacrificare suo Figlio per la salvezza di ogni uomo. Certamente, lungo la storia, siamo colpevoli di aver gettato pesantissime ombre su quell’immagine: sono i nostri tradimenti, i nostri peccati, le nostre miserie, le nostre viltà ed ipocrisie. Ma quella luce non è stata (e non sarà mai) spenta: morte e vita si sono affrontate in un prodigioso duello, e la vita ha vinto. Il Crocifisso rimanda proprio alla vittoria sulla morte. Chiunque guardi un crocifisso con il cuore, prima che con gli occhi, non può non sentire moti dell’animo contrastanti: dal dolore alla speranza. Già, speranza, perché quell’immagine sta a dire che c’è un uomo che potendo fuggire al dolore e alla morte, potendo sedersi sul trono di un re invincibile, pieno di potenza e di gloria, ha liberamente scelto di sdraiarsi sul trono di una croce per amore. Ha messo sotto la ghigliottina la sua testa perché si salvasse la mia. È certamente opera della fede se possiamo credere che quell’uomo è figlio di Dio, è Dio; ma non serve la fede per riconoscere che quell’opera culminata sulla croce ha il valore eterno di un amore senza limiti. In aula di scuola, un bravo maestro o un bravo professore potrebbe impiegare ore e ore di lezione di "educazione civica" solo descrivendo l’immagine del crocifisso, perché lì dentro c’è tutto: amore, solidarietà, condivisione, inclusione, libertà, giustizia. Tutti i valori laici e democratici della società moderna, dobbiamo avere l’onestà di riconoscerlo, sono stati bagnati e fermentati dal sangue che l’uomo del crocifisso ha profuso senza risparmio. Non è la laicità a negare il crocifisso, perché laicità e fede convivono perfettamente; è il laicismo, becero ed ignorante, che si fa venire l'orticaria … se solo sapessero che il Crocifisso è lì anche per loro!

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Vincenzo sorbo
09 Ottobre 2019 @ 15:09
Bene Massimo, si potrebbe dire "né la carne, né il sangue te l'hanno rivelato, ma lo Spirito del Signore che abita in te". Belle parole le tue, ma non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire, soprattutto nell'attuale società, specie dove manca Dio.
Erasmo nasti
08 Ottobre 2019 @ 09:08
Grandioso Gandolfini ottima controbattuta a questa ulteriore assurdità che determinate persone affermano con la loro cecità del corpo e soprattutto dello spirito.

Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Immagine di repertorio
IL CASO

Milano, il pm sospende il gioco horror

Per gli inquirenti, l'assenza di illuminazione avrebbe messo in pericolo i concorrenti
La statua d'arte indigena, oggetto di controversie, trasportata lungo via della Conciliazione durante la Via Crucis del 19 ottobre scorso - Foto © Andrew Medichini per AP
SINODO PER L'AMAZZONIA

Statue indigene in chiesa gettate nel Tevere. Per alcuni erano pagane

Continua il caso controverso sulle statue di arte indigena collocate in una chiesa durante il Sinodo
Scritta per Desirée sul portone dello stabile dove il suo corpo è stato ritrovato
ROMA

Morte di Desirée, in quattro a processo

La 16enne venne ritrovata priva di vita, un anno fa, in uno stabile abbandonato del quartiere di San Lorenzo
Il libro di don Aldo Buonaiuto,
SASSOFERRATO | ANCONA

Halloween: un viaggio nel mondo nell'occulto

L'incontro tenuto da don Aldo Buoniauto presso la parrocchia di san Facondino
Giuseppe Conte e Luigi Di Maio
GOVERNO

Manovra, bilaterali coi partiti: Conte prova a ricucire

Il premier incontra le forze di maggioranza per snodare i punti critici. E anche dall'Ue arriva una missiva per chiedere...
L'incendio e i danni al tetto della struttura storica
TORINO

In fiamme la Cavallerizza Reale, patrimonio Unesco

Appendino: "Il tema oggi non è l’occupazione ma che la Cavallerizza così non può stare"
Immagine di repertorio
NUOVI MERCATI

La tecnologia rilancia l'impresa, ma mancano 45 mila tecnici digitali

In agosto recupero della produzione industriale. Richieste nuove competenze e nel weekend 100 mila visitatori a Roma alla fiera...
La merce sequestrata
SALERNO

Contrabbando di tabacchi: 12 arresti

Sospeso il reddito di cittadinanza a cinque dei fermati
Strade allagate
ALLERTA METEO

Nubifragio a Milano, città allagata

Il fiume Seveso è vicino all'esondazione, sotto osservazione anche il Lambro
Pini domestici
EMERGENZA ECOLOGICA

Piano del Campidoglio per le periferie green

In Italia 31 metri quadri di verde a cittadino. Piantare alberi è tra gli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo...
Sampdoria-Roma 0-0. Nicolò Zaniolo contrastato da Bertolacci - Foto © Twitter
SERIE A

Ranieri, buona la prima: la Roma sbatte sulla Samp

Pareggio a reti bianche a Marassi. Il Genoa crolla col Parma, l'Inter soffre ma stende il Sassuolo
Maker Faire Rome
SVILUPPO

Enea, verdure spaziali e hi-tech anti-zanzare

Alla rassegna romana degli inventori 4.0 le ultime scoperte dell’ente pubblico di ricerca