MARTEDÌ 18 OTTOBRE 2016, 000:02, IN TERRIS

I quattro miti della riforma

GIANNI FONTANA
I quattro miti della riforma
I quattro miti della riforma
Il 4 dicembre si vota. Non per il futuro di Renzi, Grillo o Berlusconi. Per il nostro. Dobbiamo scegliere tra una democrazia in cui comanda il Parlamento (popolo) e una in cui comanda il Governo (poteri). La differenza è sostanziale. Pensiamoci bene: indietro non si torna. Gli slogan della riforma sono quattro: velocità, risparmio, governabilità, stabilità. Slogan, appunto. La verità abita da tutt’altra parte.

1. Velocità non significa qualità. La pasta cruda è velocissima da servire, ma è immangiabile.
2. Risparmio? 300 milioni. Ridicolo. Se recuperassimo 1,5 dei 180 miliardi di evasione fiscale l’anno, Camera e Senato lavorerebbero gratis!
3. Governabilità significa “non disturbate il conducente”. Governabile, infatti, è chi si lascia governare. Possibilmente senza discutere. Docili e mansueti, come pecore condotte al pascolo dal cane pastore: così ci vogliono.
4. Stabilità: mito falso e pericoloso. I governi più stabili sono le dittature. È questo che vogliamo? Dimentichiamo gli slogan allora. E usiamo la testa. I nodi sono due: Italicum e Senato. Legge elettorale e riforma costituzionale, infatti, vanno sempre insieme. Perché la natura della democrazia dipende dal fatto che tutti i voti abbiano lo stesso peso. Con l’Italicum non è così. Il voto di alcuni pesa più di quello di altri. Immaginate Bepi e Rina. Al seggio il loro voto vale 1. Bepi vota A; Gina vota B. Il partito di Bepi raggiunge il 40% dei voti. Quello di Gina il 39%. Il primo ottiene il “premio di maggioranza”: 54% dei seggi. Il secondo no.

Dopo gli scrutini, dunque, quei due voti che – in cabina elettorale – avevano lo stesso peso, si trovano ad avere un peso molto diverso. Quello di Gina vale sempre 1. Quello di Bepi, invece, vale 1+n. Il suo partito, infatti, ottiene più seggi di quanti gliene spetterebbero in base al numero effettivo dei voti ricevuti. Due pesi e due misure, dunque. Vi sembra giusto? Chiedetelo a Gina. A voi stessi, invece, chiedete: “È questa la democrazia che voglio?”. Da questo voto distorto, nascerà il nuovo Parlamento. Distorto anche lui. Un seme malato non può dare frutti sani. Parlamento zoppo: una Camera e una parodia di Senato. Una sorta di doppio lavoro part-time per 100 persone (22 sindaci, 73 consiglieri regionali, 5 nominati dal Presidente della Repubblica), che si riuniranno una volta al mese, per affrontare un mare di problemi infinitamente più grandi di loro. Follia. Ma perché è così importante far fuori il Senato? Per eliminare il “ping-pong” del bicameralismo paritario, dicono. Fandonie.

Nel decennio 1997-2006 l’Italia ha approvato, in media, 153 leggi l’anno. Una ogni 2,3 giorni. Il triplo di Regno Unito (47) e Spagna (50); più del doppio della Francia (70). La ragione, dunque, è un’altra: indebolire il Parlamento. Perché? Perché più il Parlamento è debole, più il governo è forte. Anche la disonestà è una scusa. Dipende dalle persone, non dal loro numero. Sarebbe come dire che, per ridurre la disoccupazione giovanile, bisogna eliminare i ragazzi che cercano lavoro. Vogliamo un Parlamento onesto e capace? Eleggiamo persone con queste qualità: fine del problema. È questa l’unica vera riforma. Il resto sono specchietti per allodole.

Sino al voto del 4 dicembre Interris.it, senza prendere una posizione, ospiterà i sostenitori del “Sì” e del “No” al referendum, per consentire ai lettori di farsi liberamente una propria opinione a riguardo
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Papa Francesco ha reso omaggio a Benedetto XVI
PREMIO RATZINGER

Benedetto, maestro nella ricerca della verità

L'omaggio di Francesco al predecessore: "Il suo magistero eredità preziosa"
PENSIONI

L'appello di Gentiloni ai sindacati: "Pacchetto rilevante, sostenetelo"

L'esecutivo presenta due nuove proposte tra cui un fondo per la proroga dell'Ape sociale
Il sottomarino argentino Ara San Juan
ARGENTINA

Nessuna traccia del sottomarino Ara San Juan

Scomparso da due giorni, a bordo 44 uomini
La struttura in cui è rimasto ferito il clochard
AVELLINO

Molotov contro un rifugio di clochard

Senzatetto ucraino ustionato alle gambe
Jost Sustermans, Ritratto di Galileo, 1636, olio su tela, Firenze, Galleria degli Uffizi (particolare)
PADOVA

Galileo: in mostra il genio che ha ridisegnato l'universo

Dal 18 novembre 2017 al 18 marzo 2018 a Palazzo Monte di Pietà
Kim Jong Un
COREA DEL NORD

Pyongyang: "Sul nucleare non si tratta"

Il regime avverte: "Questione di sicurezza. La spada dell'autodifesa va ulteriormente affilata"