SABATO 27 OTTOBRE 2018, 00:02, IN TERRIS

Eutanasia: insorgere contro un’approvazione possibile

MIRKO DE CARLI
Marco Cappato
Marco Cappato
L

a sentenza pronunciata dalla Consulta sul caso di Marco Cappato interroga il Paese; di fatto la Corte ha preferito “lavarsi le mani” non esprimendo una sentenza precisa, non applicando la legge esistente nel nostro Paese che prevede la condanna, con pena detentiva, per “coloro che favoriscono il suicidio assistito”. Quanto avvenuto, ricordiamo tutti del caso di Dj Fabo, accompagnato dallo stesso Cappato in una clinica svizzera per porre fine alla sua vita con una puntura di Pentobarbital. La Corte ha deciso di “prendersi” un anno di tempo, fino al 24 settembre 2019 per poter far completare al parlamento - già anticipata con il testamento biologico - una legislazione in materia di eutanasia. Una risposta immediata di esultanza, quasi da “cori da stadio”, di quei partiti a favore di questa cultura della morte. Ricordiamo che il presidente della Camera, Roberto Fico, prontamente ha dichiarato, con soddisfazione, di inserire tra le priorità delle attività parlamentari anche una buona legge in materia di eutanasia.

Io credo che l'unica “risposta” che la Corte doveva esprimere avrebbe dovuto riguardare la condanna per Cappato e far riconoscere quel primato del Diritto naturale sul Diritto positivo, secondo cui la “vita va difesa dal suo naturale concepimento fino a morte naturale”, non favorendo e contrastando qualsiasi forma di accanimento terapeutico. Questo purtroppo non è avvenuto, si è voluta favorire una strategia diversa che troviamo anche nelle iniziative dei Radicali, nello specifico una raccolta firme di iniziativa popolare a favore dell’eutanasia. Naturalmente, la Corte ha voluto concedere questo tempo soprattutto per permettere al Partito di raccogliere 50mila firme previste dalla Costituzione, per poter presentare una proposta di legge in tal senso e poi trovare i numeri, che sono già presenti, per farla votare ed approvare. Già oggi, se diamo un'occhiata in Parlamento, troviamo il M5s favorevole, un Partito Democratico per la stragrande maggioranza favorevole, compresa gran parte di Forza Italia e buona parte della Lega che si è espressa sulla libertà di scelta, come il presidente della Regione Veneto Zaia e, dall’altra parte, anche qualche componente di Fratelli d’Italia sarebbe a favore, quindi ci sarebbero assolutamente i numeri.

In questo modo, quindi, si introdurrebbe una legislazione sul caso e la Corte, non condannerebbe più Marco Cappato per aver favorito il suicidio assistito del dj. Purtroppo in questo Paese si usano sempre leve tutt'altro che democratiche, tutt'altro che rispettose della legislazione italiana esistente, per arrivare a realizzare leggi che vanno contro la difesa della persona e della vita. Noi come Popolo della Famiglia abbiamo presentato un'istanza di contestazione “forte” in risposta a questa scelta della Corte ed anche verso la proposta di iniziativa popolare del Movimento Radicale. Saremo pronti a scendere in Piazza ad esprimere il deciso “NO” di migliaia di famiglie italiane che chiedono che non venga modificata la legge attualmente in vigore e, contestualmente, chiedono di fare leggi che tutelino la vita e la persona dal suo naturale concepimento alla sua morte naturale, contrastando con ogni forza e ogni strumento l'accanimento terapeutico. L'eutanasia rappresenta l'ennesimo esempio di quella cultura di morte, e mi viene alla mente San Giovanni Paolo II quando, a fine anni ‘80 durante un suo viaggio apostolico in Austria, pronunciò parole dure su come la “deriva finale ed ultima di un'Europa che rinnegando sé stessa non fa altro che autodistruggersi”.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Dorothea Wierer
COPPA DEL MONDO

Biathlon, trionfo per Dorothea Wierer

L'altoatesina conquista la Coppa generale, è la prima in assoluto per l'Italia. Lisa Vittozzi (2a) completa il...
La Viking Sky in balia delle onde
NORVEGIA

La Viking Sky attracca a Molde

Incubo finito: tutti in salvo i 1300 passeggeri, 460 evacuati con gli elicotteri
Xi Jinping
LA VISITA

Xi a Palermo, un'eredità reciproca

Il presidente cinese vola nel Principato di Monaco dopo una giornata intensa in Sicilia: "Aumenteranno i turisti...
Il piatto finito
LA RICETTA DEL WEEKEND

Pennette panna e gamberetti: giocare facile a tavola

Bastano pochi ingredienti per realizzare un piatto da consumare da soli o in famiglia
Rafi Eitan
ISRAELE

Addio a Rafi Eitan, catturò Eichmann

La leggenda del Mossad si è spenta a 92 anni. Pose fine alla latitanza dell'ex SS
Italia-Finlandia 2-0. L'esultanza degli Azzurri dopo la rete di Barella
EURO 2020 | QUALIFICAZIONI

La giovane Italia parte forte: Barella-Kean, Finlandia k.o.

Gli Azzurri s'impongono 2-0 alla Dacia Arena. Qualcosa da sistemare ma la strada è giusta. Esordio per Zaniolo