MERCOLEDÌ 03 LUGLIO 2019, 00:02, IN TERRIS

Di chi è la colpa?

EDOARDO BARBAROSSA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Senzatetto
Senzatetto
C

resce ogni giorno, sembra non arrestarsi mai, si insinua nelle vene dell’animo, si esprime con toni violenti. C’è un senso profondo di sfiducia, c’è ogni giorno un nemico da combattere, ci sono notizie incontrollate, c’è indifferenza e spesso insofferenza. Il tanto “bene” che c’è è contrastato sempre più spesso dallo strisciante “male” che insidia le nostre coscienze e ci fa diventare fobici. Il nemico è dietro ogni angolo, lo sentiamo ansimare mentre ci guarda di nascosto, perché segue proprio me, perché insidia il mio calcagno. Ho fatto di tutto nella vita per stare tranquillo e adesso dovrei occuparmi di questi poveracci? Il benessere che ho costruito mi appartiene, ho faticato per raggiungerlo, nessuno mi ha fatto sconti o mi ha dato aiuto, ho dovuto sgomitare ed a volte scalciare.

Non si scherza, ad ogni passo ne trovo qualcuno, ma chi li ha portati proprio qui, nella mia città, nel mio quartiere, sotto casa mia? Non potevano andare altrove? Non potevano restare a casa loro? Io sto cosi bene a casa mia, non mi sposterei da nessun’altra parte del mondo. Non sono come i miei avi, che hanno dovuto emigrare per vivere, che hanno combattuto in guerra, che hanno sofferto la fame, che hanno generato un gran numero di figli. Questi che ci governano devono trovare un modo per “ripulire” questo posto, altrimenti mi faccio giustizia da me… Sì, questa è una necessità, è legittima difesa… Sì, non si può accettare che in questo posto ci siano luoghi con persone di mille colori, a scuola, nelle chiese, nei market, ai giardinetti… Prima o poi saremo una minoranza.

Perché noi siamo i veri cittadini, gli altri sono arrivati con i barconi, dormono sotto i portici, stanno con le loro roulotte in accampamenti. Bisogna fare pulizia, questo posto deve diventare di nuovo vivibile. E poi fanno puzza, si vestono di stracci, rovistano nell’immondizia, chiedono l’elemosina… Ma non hanno niente da fare tutto il giorno? Di chi è la colpa? Si vorrebbe far credere che sia dei Paesi occidentali che hanno affamato quelli di altre parti della Terra. Ma, in fondo, abbiamo portato energie, risorse, uomini, in posti sperduti e malfamati. Che colpa ne abbiamo se non sono stati capaci di svilupparsi nonostante tutto ciò? Li abbiamo protetti e tutelati, ci siamo accordati con i potenti locali riempiendoli di denaro e ricchezze, abbiamo venduto le armi per mantenere la pace… Di cosa dobbiamo vergognarci?

Ma un giorno quel povero ci chiederà conto di tutto questo, verrà per dirci che la nostra insipienza ha riempito il loro cuore di tristezza, solitudine, esclusione. Che li abbiamo calpestati nella loro dignità, li abbiamo perseguitati in nome di una falsa giustizia, oppressi da politiche indegne di questo nome e intimoriti dalla violenza. Ha gridato, ha urlato forte, ma le mie orecchie e il mio cuore non l’hanno sentito, anzi hanno avvertito solo il fastidio di quella presenza indecente. Un giorno non l’ho più visto, è sparito, avrà capito che non era aria e che era meglio andare altrove, oppure è morto, ha smesso di soffrire. Di chi è la colpa…

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La foreign fighter italiana condannata
TERRORISMO

Condannata una foreign fighter italiana

Oggi la Turchia ha iniziato le espulsioni dei miliziani jihaadisti rinchiusi nelle sue prigioni: sono 1.200
Padre Hovsep Petoyan, ucciso in Siria dai miliziani dell'is - Foto © Public Radio of Armenia
SIRIA

Sacerdote cattolico armeno ucciso dai miliziani isis

Morto anche il padre della vittima. La paura di un ritorno del califfato
L'attore LeVar Burton interpreta Kunta Kinte nella prima serie tv
RIEVOCAZIONE

Quando la tv era antidoto al razzismo

Il 40° anniversario della serie televisiva “Radici, le nuove generazioni” e l’esigenza di un impegno etico...
Una scena della vita di San Martino a fumetti, realizzata da Mabel Morri nella Chiesa di San Martino in Riparotta di Viserba Monte, alle porte di Rimini
SANTO DEL GIORNO

San Martino riporta il fumetto in chiesa

A Rimini, l'artista Mabel Morri ripercorre la vita di uno fra i santi più popolari
Polizia di Stato
AOSTA

Sgominata banda di passeur: 6 arresti

L'operazione, coordinata dalla Dda di Torino, è stata denominata "Connecting Europe"
Operatore sanitario Cuamm
MEDICI CON L'AFRICA CUAMM

Gentiloni, Africa: "40 miliardi dalla Ue nei prossimi 7 anni"

Del Re: "Bisogna costruire insieme l’Africa del futuro dove ogni persona conta"
Il Presidente rumeno Klaus Iohannis
ROMANIA

Elezioni presidenziali: Iohannis vince il primo turno

L'europeista è in testa col 36,6 per cento dei voti. Il ballottaggio si terrà il 24 novembre
Vigili del fuoco australiani all'opera
AUSTRALIA

Incendi: dichiarato lo stato di pericolo "catastrofico"

I roghi interessano più Stati: tre persone sono morte e molte altre risultano disperse
Luiz Inacio Lula da Silva

L’esperienza di Lula, un avvertimento per i democratici

L'esperienza amara di Luiz Inacio Lula da Silva, ex presidente della Repubblica brasiliana, credo che debba essere...
Il presidente della Cei mons. Gualtiero Bassetti
COOPERAZIONE

Bassetti: “La Chiesa dialoga con tutti, non alza steccati”

Il presidente della Cei ribadisce che l’episcopato “non sostiene maggioranze né fa opposizione”
SERIE A

La Roma cade a Parma: Cagliari e Lazio terze

I giallorossi affondano sotto i colpi di Sprocati e Cornelius. Vincono sardi e biancocelesti, successo anche per la Juve
Evo Morales
SUD AMERICA

Caos in Bolivia, Morales si dimette

Il presidente denuncia azioni di "gruppi violenti e irregolari" ma cede alla pressione dell'esercito