MERCOLEDÌ 09 OTTOBRE 2019, 18:00, IN TERRIS


TV

Don Aldo presenta "Donne Crocifisse" su Rai Uno

Ospite di Storie Italiane, il sacerdote ha parlato della piaga mafiosa, anche relativa alla prostituzione

MARCO GRIECO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Don Aldo Buonaiuto a Storie italiane
Don Aldo Buonaiuto a Storie italiane
L

a puntata di Storie Italiane si apre con il ricorso di Giovanni Brusca, il boss di Capaci membro di Cosa nostra che ordinò il sequestro e l'uccisione del figlio del pentito, Santo Di Matteo, e autore di moltissimi omicidi, che in seguito diventerà collaboratore di giustizia e che, secondo la Procura nazionale antimafia, si sarebbe ravveduto. Una questione che dirime, della quale don Aldo Buonaiuto, sacerdote dell'Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII e direttore del quotidiano In Terris ha condannato "la subcultura mafiosa che bisogna abbattere. Bisogna avere innanzitutto il sommo rispetto di tutte le vittime e i loro familiari - ha sottolineato don Buonaiuto - e nello stesso tempo dobbiamo sempre stare dalla parte della persona. È evidente che l’ergastolo ostativo è simile ad una pena di morte perché la persona resterà per sempre chiusa dentro quelle quattro mura”. Don Aldo porta con sé la testimonianza dell’Associazione Papa Giovanni XXIII che ospita diversi ex-detenuti attraverso dei programmi di vero riscatto: "Noi come Comunità abbiamo esperienze di persone che stanno realmente cambiando la propria vita capendo il grande male che hanno compiuto anche mettendosi al servizio di chi è più debole".

Don Aldo a Storie Italiano su Rai Uno parla di antimafia, ergastolo e Brusca from Don Aldo on Vimeo.


Il caso

Sul tema complesso del dare e ricevere perdono, sia dalla parte dei familiari che da quello dei carnefici il sacerdote ha evidenziato come “il perdono è un valore immenso, che non possiamo cancellare. Se cancelliamo in questa società il valore del perdono come educheremo i nostri bambini, quali valori gli trasferiremo? Poi nel caso specifico di Brusca bisogna specificare che è evidente che il fatto non tocca solo i familiari delle vittime, ma un Paese intero che è stato colpito, depredato da questi crimini orrendi, dai danni sciagurati della mafia contro lo Stato, contro gli italiani. Se da una parte dobbiamo avere grande rispetto per chi ha subito questi crimini, bisogna che il legislatore possa forse rivalutare certi casi, anche sul tema dei benefici di legge, tenendo conto dei singoli casi delle proporzionalità dei fatti, perché non si può di certo considerare allo stesso modo un assassino 'comune' da uno che ha compiuto innumerevoli stragi... Affinché non ci sia ingiustizia su ingiustizia".

Don Aldo parla di tratta delle donne su Storie Italiane a Rai Uno from Don Aldo on Vimeo.


La piaga della tratta delle donne

Il viaggio di Storie Italiane nel mondo mafioso tocca anche l'aspetto della tratta delle donne costrette a prostituirsi. Spesso sono ragazze provenienti da Paesi difficili, come diverse aree dell'Africa, che sono vittime di una vera e propria vendita: "Il 37% delle donne è minorenne", ha detto don Aldo, sacerdote di frontiera nella lotta alla prostituzione coatta. "Si tratta di un mercato vergognoso - ha aggiunto il sacerdote - perché c'è una domanda di milioni di maschi italiani che si sentono in diritto di 'comprare' queste giovani donne. Questo problema non è solo sulle strade, ma anche nei locali, nei privé", denuncia don Aldo. Dato il suo impegno nel contrasto allo sfruttamento delle donne, il sacerdote avverte su un ulteriore problema che le vittime di tratta potrebbero incontrare: "Anche quando una donna trova il coraggio di denunciare, si vede poco dopo tempo lo sfruttatore a piede libero". Le parole di don Aldo sono perentorie: "Credo sia una grande ingiustizia del nostro mondo che permanga una società dove c'è chi si sente in diritto di comprare delle donne per sfogare i propri istinti animaleschi".

Don Aldo presenta Donne Crocifisse, il libro con la prefazione di Papa Francesco, su Storie Italiane (Rai Uno) from Don Aldo on Vimeo.


Il libro "Donne Crocifisse"

La presenza di don Buonaiuto in studio è stata l'occasione per presentare il libro-denuncia della tratta di prostitute: Donne Crocifisse (edito da Rubbettino) è il racconto di storie drammatiche, che parla di libertà, redenzione, ma soprattutto della sofferenza di una miriade di giovani, spesso anche minorenni, costrette ad essere comparate come merce. Come ha ricordato la conduttrice Eleonora Daniele, il libro ha avuto la straordinaria prefazione di Papa Francesco. "Il Papa - ha commentato don Aldo - ha definito la prostituzione un crimine contro l'umanità. Come dice il Santo Padre, non si può essere conniventi con questo reato. Il Pontefice ricorda anche che la prostituzione è una malattia dell'anima". E sulla questione delle prostitute costrette a mentire sul loro presunto stato di libertà per non incorrere nella furia dei loro papponi, il sacerdote ricorda che "si tratta di schiave vulnerabili che non sono bugiarde, ma costrette a salvarsi". La domanda che il sacerdote pone a conclusione del suo intervento suscita una profonda riflessione: "Noi in comunità vediamo queste donne, che spesso vivono nella sofferenza. Chi chiederà perdono per quelle donne che la nostra società ha distrutto?".

È possibile acquistare il libro Donne Crocifisse al seguente link: www.donnecrocifisse.it

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Immagine di repertorio
IL CASO

Milano, il pm sospende il gioco horror

Per gli inquirenti, l'assenza di illuminazione avrebbe messo in pericolo i concorrenti
La statua d'arte indigena, oggetto di controversie, trasportata lungo via della Conciliazione durante la Via Crucis del 19 ottobre scorso - Foto © Andrew Medichini per AP
SINODO PER L'AMAZZONIA

Statue indigene in chiesa gettate nel Tevere. Per alcuni erano pagane

Continua il caso controverso sulle statue di arte indigena collocate in una chiesa durante il Sinodo
Scritta per Desirée sul portone dello stabile dove il suo corpo è stato ritrovato
ROMA

Morte di Desirée, in quattro a processo

La 16enne venne ritrovata priva di vita, un anno fa, in uno stabile abbandonato del quartiere di San Lorenzo
Il libro di don Aldo Buonaiuto,
SASSOFERRATO | ANCONA

Halloween: un viaggio nel mondo nell'occulto

L'incontro tenuto da don Aldo Buoniauto presso la parrocchia di san Facondino
Giuseppe Conte e Luigi Di Maio
GOVERNO

Manovra, bilaterali coi partiti: Conte prova a ricucire

Il premier incontra le forze di maggioranza per snodare i punti critici. E anche dall'Ue arriva una missiva per chiedere...
L'incendio e i danni al tetto della struttura storica
TORINO

In fiamme la Cavallerizza Reale, patrimonio Unesco

Appendino: "Il tema oggi non è l’occupazione ma che la Cavallerizza così non può stare"
Immagine di repertorio
NUOVI MERCATI

La tecnologia rilancia l'impresa, ma mancano 45 mila tecnici digitali

In agosto recupero della produzione industriale. Richieste nuove competenze e nel weekend 100 mila visitatori a Roma alla fiera...
La merce sequestrata
SALERNO

Contrabbando di tabacchi: 12 arresti

Sospeso il reddito di cittadinanza a cinque dei fermati
Strade allagate
ALLERTA METEO

Nubifragio a Milano, città allagata

Il fiume Seveso è vicino all'esondazione, sotto osservazione anche il Lambro
Pini domestici
EMERGENZA ECOLOGICA

Piano del Campidoglio per le periferie green

In Italia 31 metri quadri di verde a cittadino. Piantare alberi è tra gli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo...
Sampdoria-Roma 0-0. Nicolò Zaniolo contrastato da Bertolacci - Foto © Twitter
SERIE A

Ranieri, buona la prima: la Roma sbatte sulla Samp

Pareggio a reti bianche a Marassi. Il Genoa crolla col Parma, l'Inter soffre ma stende il Sassuolo
Maker Faire Rome
SVILUPPO

Enea, verdure spaziali e hi-tech anti-zanzare

Alla rassegna romana degli inventori 4.0 le ultime scoperte dell’ente pubblico di ricerca