Venezuela: blackout in varie regioni, Governo: “E’ sabotaggio”

Usa: "Il tentativo di invasione via mare del Venezuela denunciato da Caracas potrebbe essere una rilevante campagna di disinformazione condotta dal presidente Maduro"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:54
Venezuelans stand next to members of the security forces in Caracas on April 30, 2019. - Venezuelan opposition leader and self-proclaimed acting president Juan Guaido said on Tuesday that troops had joined his campaign to oust President Nicolas Maduro as the government vowed to put down what it said was an attempted coup. (Photo by Yuri CORTEZ / AFP)

Un importante blackout ha interrotto l’erogazione dell’energia elettrica in varie zone del Venezuela. Nello specifico, sono rimasti senza corrente elettrica secondo la tv statale Vtv, oltre al distretto della capitale Caracas, anche nove Stati: Miranda, Táchira, Zulia, Cojedes, Anzoátegui, Guárico, Sucre, Aragua y Carabobo. Ma secondo altre fonti e le reti sociali gli Stati in cui si è interrotta l’erogazione di energia elettrica sono 17.

Attacco premeditato

La vicepresidente esecutiva Delcy Rodríguez ha definito l’episodio “un attacco” premeditato. Attraverso le reti sociali la responsabile chavista ha reso noto ieri sera che “il Sistema elettrico nazionale ha subito un attacco alle sue linee trasmissione del settore 765, appena ore dopo il tentativo fallito di incursione terroristica contro il Venezuela”. Rodríguez, fra le personalità più in vista a sostegno del presidente Nicolas Maduro, ha assicurato che “siamo già nella fase di recupero del servizio”, dicendosi certa anche che “la rivoluzione vincera!”.

Mercenari

Tre giorni fa il ministro dell’Interno venezuelano, Nestor Reverol, aveva annunciato che nella notte tra sabato e domenica era stato sventato un attacco armato di mercenari arrivati con delle barche nella città portuale di La Guaira, a poche decine di chilometri dalla capitale Caracas. Reverol ha aggiunto che le persone a bordo arrivavano dalla Colombia ed erano “terroristi mercenari”, senza fornire ulteriori dettagli sul loro numero, sul numero delle barche o sul tipo di armi con cui erano equipaggiati. Oggi, un portavoce del dipartimento di Stato americano ha dichiarato che il tentativo di invasione via mare del Venezuela denunciato da Caracas potrebbe far parte di una “rilevante campagna di disinformazione” condotta dal presidente Nicolas Maduro e Donald Trump ha negato ogni coinvolgimento del suo governo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.