Vacanze tra pic nic e filari del Prosecco: ecco dove

Il viaggio che diventa esperienza e regala emozioni. Con Traveli in borgo si riscopre il territorio guidati da esperti e local

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:05

Voglia di esperienze diverse per l’estate 2020? Ci pensa il sito www.travelinborgo.com che invita al viaggio ma soprattutto all’esperienza fatta con la guida di esperti locali del Prosecco e non solo, che mettono in contatto i viaggiatori con i detentori di antichi saperi e sapori.

 

Un’estate lontana dal turismo di massa

Partire dalla chiesetta di Soligo, salire nel meraviglioso bosco, perdersi nel panorama delle Prealpi venete. Fino a un originale “dejeuner sur l’herbe” tra i filari del Prosecco che oltre delle bollicine con cui l’Italia sfida lo champagne si anima anche di formaggi, salumi, verdure sott’olio a chilometri zero.

Oppure scendere nelle viscere della Verona segreta e inattesa che nasconde sotterranei degni della Capitale o di Napoli tra antichi templi e cantine di duemila anni fa. Anche i meno sportivi possono godersi a bordo di una e-bike la ciclabile del lago di Garda e infine annaffiare l’esperienza con il raro vino Nosiola.

Viaggi con connessioni fisiche, emotive e sociali

“Oggi più che mai l’importante – spiega Alessandro Cattarin, un vita nel mondo del turismo e ora tra i fondatori di Travelinborgo – è viaggiare fuori dagli affollamenti e dal turismo di massa. Sono esperienze che si possono fare prevalentemente in mezza giornata e giornata intera. Negli ultimi anni mi sono resoconto che vale più che l’esperienza che voglio vivere, piuttosto che dove voglio andare… Non solo un viaggio ma attività che colpiscono tutti i sensi e creano connessioni a livello fisico, emotivo e sociale”.

 

Le degustazione del Prosecco e tanto altro

Tra le 100 esperienze proposte anche degustazioni di radicchio di Treviso, asparagi bianchi di Badoere e olio d’oliva del Garda ma anche gite in kayak sul Sile. Anche i luoghi già molto conosciuti sono “riproposti” con esperienze nuove. A Venezia si scoprono i giardini segreti o gli angoli conosciuti solo ai local. A Padova si visita uno stupendo regno di farfalle.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.