Terrorismo: arrestata dal Ros in Siria Alice Brignoli

Brignoli è detta "felicissima" di tornare in Italia assieme ai suoi 4 figli. Lei andrà in carcere. I figli verranno affidati ad una comunità

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:42
Alice Brignoli

Alice Brignoli, moglie del militante dell’Isis italiano di origine marocchina Mohamed Koraichi, è stata arrestata in Siria dai carabinieri del Ros, con l’accusa di associazione a delinquere con finalità di terrorismo. Gli uomini del Ros hanno anche rintracciato i figli della donna e li hanno rimpatriati. Il marito delle donna, da quanto si è saputo, è morto in Siria. La misura cautelare è stata emessa dal Gip di Milano su richiesta della direzione distrettuale antiterrorismo.

La storia della Brignoli

Nel 2015 Brignoli e Koraichi, secondo quanto ricostruito dalle indagini, hanno lasciato l’Italia per raggiungere il Califfato, portandosi dietro i loro tre figli: una volta in Siria, Koraichi ha partecipato direttamente alle operazioni militari dell’Isis mentre la Brugnoli avrebbe ricoperto un “ruolo attivo – dice il Ros – nell’istruzione dei figli alla causa del jihad”.

Brignoli ‘felice’ di tornare con 4 figli

Alice Brignoli si è detta “felicissima” di tornare in Italia assieme ai suoi 4 figli (uno è nato in Siria), nonostante lei andrà in carcere e i suoi figli verranno affidati ad una comunità. E’ quanto si è appreso in relazione alle indagini del Ros dei carabinieri, coordinate dal capo del pool antiterrorismo milanese Alberto Nobili e dal pm Francesco Cajani.

Pm: “Bellissima storia italiana”

“E’ una bellissima storia italiana, che evidenzia anche le grandi capacità delle forze dell’ordine italiane e la forza della cooperazione internazionale”. Così il capo del pool antiterrorismo milanese, il pm Alberto Nobili, all’Ansa, in merito all’arresto di Alice Brignoli.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.